Riscaldamento globale: il mal tempo ne è la conseguenza

Riscaldamento globale: il mal tempo ne è la conseguenza



Il cambio climatico ha sempre interessato una nicchia di persone e mai la massa, poche persone sembra si rendano conto che si sta andando verso un punto di non ritorno e che finché non ci sarà un cambio di tendenza assisteremo inermi a tragedie come quelle accadute negli ultimi mesi non solo in Italia. È indicativo come il picco di interesse arriva ogni qualvolta che arriva la tragedia che colpisce un paese.

Nella sfortuna però, sono proprio queste tragedie, che negli ultimi anni hanno segnato l’Italia, che fanno aprire gli occhi a tutti: il riscaldamento globale non è un’invenzione, c’è, è in atto da anni e la Terra ne sta cominciando a risentire in modo piuttosto allarmante. Quello che togliamo alla Terra, la Terra se lo riprende, questa non è purtroppo una frase retorica.

Quante volte si è sorriso di fronte ai soliti bollettini allarmistici, ad articoli che gridavano alla fine del pianeta? Quante volte abbiamo usato un bicchiere di plastica di troppo, abbiamo inquinato, pensando “be’, tanto alla fine cosa potrà succedere”.

È a causa di questo ragionamento, che si è arrivati al riscaldamento globale. Non possiamo pensare che il nostro bicchiere di carta sia meno pericoloso delle fabbriche che inquinano, perché è proprio l’uomo la prima fonte di inquinamento, una stoviglia di plastica come un piatto o un bicchiere ci mette dai 100 ai 1000 anni a dissolversi, 1000 anni!

Il riscaldamento globale in Italia: arriverà l’inverno?

Pensate che negli ultimi decenni i mari e gli oceani hanno assorbito almeno il 60% del calore solare in più. Ciò significa che le acque sono più calde, che l’aria è più irrespirabile e che il caldo e il freddo si scontrano giornalmente, causando temporali, nubifragi e venti forti. L’erosione della costa, molto presente sul litorale romano, non è che la conseguenza dell’innalzamento del livello mare c’entrano poco le costruzioni o meglio c’entrano in maniera poco rilevante se paragonate allo scioglimento dei ghiacciai. Il tutto poi si risolve in catastrofi naturali che arrivano in poco tempo devastando tutto.

A novembre le nostre magnifiche Dolomiti sono state piegate dal mal tempo, è stato cancellato parte del territorio, distrutto case e interi boschi: tutto ciò che è rimasto è fango e detriti. Mettendo da parte la situazione in Italia, nel circolo polare artico, si è sciolto il più antico pezzo di ghiaccio e che negli anni non aveva mai ceduto.

Se da una parte il mondo è popolato da negazionisti, dall’altra ci sono gli allarmi dal WWF: è necessario introdurre un nuovo piano per risanare la Terra e fare in modo che il surriscaldamento globale non causi dei danni irreparabili e che non renda il pianeta invivibile. Devono pensarci i governi con politiche atte a invogliare la popolazione, ma deve soprattutto cambiare la mentalità per garantire un futuro alle generazioni che arriveranno e soprattutto al nostro pianeta prima che si arrivi al vero punto di non ritorno!

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.