Latina ieri oggi e domani, uno sguardo sulla città



L’iniziativa prende il via il 5 ottobre nel Foyer del Teatro D’Annunzio.

Oggi inaugurate le mostre di Gelli e Marchi

Dal 5 al 13 Ottobre si terrà l’iniziativa ‘Latina ieri, oggi e domani – Uno sguardo sulla città’ all’interno del Foyer del Teatro D’Annunzio.

Una serie di mostre, dibattiti e proiezioni getteranno uno sguardo sulla città utilizzando diversi strumenti culturali. Presso il museo Duilio Cambellotti sarà possibile visitare le due mostre inaugurate dal 1 Ottobre delle opere di Lelio Gelli e Virgilio Marchi.

Il 5 Ottobre a partire dalle 17:00, presso il Teatro D’Annunzio, l’opera di Antonio Pennacchi verrà discussa, affrontata, approfondita da Rino Caputo, Giulio Ferroni, Marco Santagata, Roberta Colombi. Il giorno successivo, il 6 Ottobre, continuerà il dibattito sull’immagine di Latina nella letteratura italiana sempre con Giulio Ferroni che questa volta coordinerà il confronto con Giuseppe Patota, Massimo Onofri e Valeria Della Valle. Ad entrambi gli incontri sarà presente e parteciperà al dibattito lo scrittore Antonio Pennacchi. Sempre il 6 Ottobre, ma alle 17.30, Il paesaggio e l’architettura di Latina saranno al centro anche di un confronto su Cinema e Scrittura coordinato da Giorgio Maulucci con Dacia Maraini, Piera Degli Esposti. A seguire sarà possibile vedere il film di Marco Ferreri, girato nel nostro territorio, tra Latina, Pontinia e Sabaudia, ‘Storia di Piera’del 1983. Il 13 Ottobre sarà presentata la ricerca coordinata dal professor Vittorio Cotesta sugli orientamenti dei giovani di Latina, insieme a Michele Santurro e Lorenzo Cugliari, la ricerca offrirà poi lo spunto ai professori Vincenzo Cicchelli e Giovanni Di Franco per un’analisi comparata della condizione giovanile in Italia e in Europa.

L’assessore alla cultura Silvio Di Francia: «In origine il ciclo aveva l’ambizione di aprire una riflessione, ampia e collettiva, sull’identità di Latina, città plurale e giovane. Ambizione che non va rimossa e semmai può germogliare proprio dagli spunti di queste giornate. Uno sguardo sulla città suggerisce, appunto, un punto di vista soggettivo e obliquo al quale se ne possono aggiungere altri. Una volta si diceva che “l’aria delle città rende liberi”. Oggi le città sono luoghi controversi, carichi di contraddizioni e promesse, conflitti e nuove convivenze. Latina è per sua storia e natura una città plurale e, per il panorama italiano, giovane. Ciò implica che per guardare al futuro la città non può non interrogarsi sulla propria identità. Passata e futura. Non posso concludere senza i ringraziamenti, davvero non rituali, al personale dell’Assessorato, che ha lavorato alla riuscita della manifestazione e alla regione Lazio, che ne ha permesso la messa in opera».

Il sindaco Damiano Coletta: «Abbiamo raccolto la proposta di figure che hanno fatto la storia e la cultura della nostra città attraverso il loro impegno e le loro competenze professionali. Con questa iniziativa crediamo di dare un forte contributo alla crescita culturale e sociale di Latina che ha bisogno di riflettere sulla propria identità».

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13330 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.