Di Battista: “Luigi dal 4 marzo ad oggi ha dimostrato di avere a cuore il Paese”



Alessandro Di Battista interviene sulle parole di Luigi Di Maio sul mancato accordo per la formazione del governo.

Questo il suo intervento:

Luigi dal 4 marzo ad oggi ha dimostrato di avere a cuore il Paese. Le abbiamo tentate tutte ma una massa di cinici più interessanti al consenso ad ogni costo che alla risoluzione dei problemi del Paese si è opposta ad ogni reale tentativo di rivoluzione della legge Fornero, di lotta alla corruzione, di sostegno alle imprese e di contrasto alla povertà dilagante. Tutto il Movimento ha il dovere di sostenere Luigi e la scelta di tornare al voto.

Ho sbagliato a chiamare Salvini Dudù, a differenza sua Dudù al guinzaglio non l’ho visto quasi mai. Ora dimostrasse un coraggio che non ha mai avuto e chiedesse elezioni anticipate. Dall’altra parte il bulletto dimostra di non aver imparato nulla dalle batoste ricevute e di essere schiavo della sua stessa arroganza. Il Movimento vuole cambiare questo Paese. Chiediamo agli italiani la possibilità di farlo. O noi o la Lega, il PD non è più un partito, è il simbolo di una casta di privilegiati terrorizzati dall’abolizione dei vitalizi. Coraggio!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21428 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

1 Commento

  1. Insomma abbiamo capito che anche il Pd finalmente ha capito che Renzi sta smontando il Pd pezzo per pezzo (meglio tardi che mai), per far sì che Berlusconi mascherato dietro alla lega “riformista”, ritorni a portare in picchiata il paese, e continuare a farsi mantenere così il suo carrozzone e quello di Renzi dagli italiani.

    Aspettiamocene delle belle, ma sicuramente si dovrà andare al voto. Poi, se grazie ai cittadini che prendono per oro colato Mediaset e Rai, questi dovessero far vincere lo schieramento dell’ottantenne pregiudicato, grazie alle strategie di come Renzi usa gli sprovveduti di sinistra: in questo caso starei ancora più tranquillo perché varrebbe il detto: “male che si vuole non duole”, quindi anche se i piccoli e medi imprenditori, che votano a destra, si aggiungeranno poi alla listi di chi l’ha voluta fare finita (vedi la scomparsa di Maschio in azienda e tantissimi innumerevoli altri casi).
    Il Paese con Silvio e i due Matteo cresce sì, ma nei necrologi dei suoi cittadini, che ci arrivano senza nemmeno più vedere la pensione. Italiani (65%)… sveglia.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.