Raggi: “Ieri ho inviato una lettera al ministro della Salute e al Ministro dell’Istruzione per segnalare le difficoltà nell’applicazione della nuova normativa sulla prevenzione vaccinale”

ex maestra vaccini



Ieri ho inviato una lettera al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e al Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Valeria Fedeli per segnalare le difficoltà nell’applicazione della nuova normativa sulla prevenzione vaccinale. La legge è poco chiara e sta generando un’enorme confusione: viene adottata in modo difforme da Regioni e Comuni in tutta Italia, producendo grosse disparità territoriali.

Una situazione che sta già configurando una discriminazione tra cittadini di serie A e di serie B rispetto alla loro collocazione geografica. Mentre da stamattina abbiamo notizie di allontanamenti avvenuti a Roma, in una regione addirittura non è previsto l’allontanamento dalle scuole dei bambini che non abbiano soddisfatto gli obblighi di legge.

Il Ministero della Salute, con una nota assai singolare, ha censurato solo il nostro modello di autocertificazione per l’ammissione ad asili nido e scuole d’infanzia, che peraltro riportava pedissequamente quella parte del testo di legge che consente per i bambini già immunizzati o parzialmente immunizzati di ottenere i vaccini in formulazione monocomponente o combinata in modo tale da escludere l’antigene (art.1 comma2). Siamo stati attaccati in modo perentorio sulle responsabilità derivanti dalla mancata attuazione del dettato normativo al quale invece Roma Capitale si stava proprio attenendo.

Una dinamica paradossale, soprattutto perché lo stesso Ministero, rivendicando “l’assoluta chiarezza” della norma e l’“assenza di alcun dubbio interpretativo in merito”, non si è accorto che nel resto d’Italia c’è il caos e che per la scarsa chiarezza delle norme ogni amministrazione si regola come ritiene più opportuno per i propri cittadini residenti.

Abbiamo altresì segnalato ulteriori criticità che la normativa di fatto ha creato: la brusca attuazione del piano vaccinale potrebbe spingere le famiglie a rivolgersi ad istituti, strutture o scuole abusive dove il controllo manca del tutto. Un altro problema riguarda gli adulti che operano in ambito scolastico come dirigenti, insegnanti e operatori di vario livello: per loro l’obbligo vaccinale non esiste, dato che nell’apposita modulistica si consente di dichiarare un semplice “non ricordo”.

Chiediamo quindi che il Ministero della Salute e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca rendano immediatamente uniforme, su tutto il territorio italiano, l’applicazione normativa. Sono necessarie indicazioni chiare, dettagliate e univoche sugli aspetti organizzativi e sulle procedure di non ammissione o di allontanamento dei bambini non provvisti di adeguata documentazione, così da poter rispondere alle legittime preoccupazioni delle famiglie, degli operatori scolastici, ed evitare problemi di ordine pubblico e l’esistenza di bambini di serie A e serie B.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15755 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.