Banda larga, come sta andando il piano di copertura di Fiumicino?



Eppur si muove, si potrebbe dire parafrasando Galileo Galilei. Parliamo dello stato della diffusione della banda larga nella nostra area territoriale, che continua ad andare avanti a “singhiozzo”, risultando ancora lontana dagli obiettivi prefissati a livello nazionale e regionale.

La mappa della copertura. Basta guardare la mappa interattiva realizzata dal Ministero delle Infrastrutture nell’ambito del Piano Strategico Banda Ultra Larga per avere subito sotto gli occhi (e a portata di clic) la situazione di Fiumicino: su un totale di 73 aree individuate, i livelli di connessione risultano ancora piuttosto bassi rispetto alle previsioni iniziali dei progetti.

La situazione a Fiumicino. Per la precisione, il dato aggiornato al 30 giugno 2017 indica che il 61,6 per cento delle unità immobiliari individuate a Fiumicino sono raggiunte dalla copertura per connettersi al Web a una velocità di 30 Mbps (lo standard della banda ultra larga), mentre è solo un misero 0,9 per cento degli edifici che può navigare con copertura a 100 Mbps. E se il secondo dato è basso in assoluto, il primo non sarebbe neppure male, confrontato alla media nazionale e regionale: nel Lazio, infatti, viaggia a 30 Mega circa il 54,5 per cento del territorio, mentre in Italia la copertura media è addirittura inferiore alla metà dello Stivale, ferma al 40 per cento.

Pochi avanzamenti in due anni. Per quanto riguarda Fiumicino, però, c’è un (altro) campanello d’allarme: guardando alle performance del 2015, infatti, si scopre che già due anni fa il nostro Comune aveva superato il 60 per cento di copertura a 30 Mega, e che il dato sulla banda ultra veloce a 100 Mega era lo stesso dei nostri giorni: insomma, in ventiquattro mesi non sono stati praticamente compiuti progressi. Questo rende molto complicato il raggiungimento degli obiettivi fissati dal Piano nazionale, sia sul breve che sul lungo periodo.

Gli obiettivi iniziali. Secondo quanto programmato, infatti, già alla fine del 2018 la copertura a 30 Mega dovrebbe arrivare intorno all’85 per cento del territorio locale, mentre quella di velocità superiore dovrebbe raggiungere l’11 per cento delle abitazioni; per il 2020, invece, il Piano si doveva completare con il raggiungimento del 100 per cento per la banda a 30 Mbps e almeno il 20 per cento per quella a 100 Mbps.

Il Piano della Regione. Obiettivi piuttosto lontani, dunque; e distanti sembrano anche gli ambiziosi paletti fissati dal Piano Banda Ultra Larga Regionale, che si proponeva di garantire la connettività a 30 Mbps a tutto il territorio del Lazio e quella a 100 Mbps per il 50 per cento della popolazione e per tutte le sedi delle Pubbliche Amministrazioni del territorio. Questo programma, in particolare, si rivolgeva ai 336 comuni del Lazio che ricadevano nelle aree bianche di mercato, ovvero quelle che “rischiavano” di non essere oggetto di offerte da parte degli operatori di telecomunicazioni perché a basso ritorno economico.

Il digital divide è ancora forte. La Regione intendeva dunque evitare la possibilità di avere un forte divario digitale sul territorio del Lazio, ritenendo le reti a banda ultra larga un fattore chiave per lo sviluppo della società dell’informazione e per la crescita economica del sistema imprenditoriale locale. Vedendo la situazione attuale, però, si intuisce che bisogna dare una forte sterzata per riuscire a rimettersi in marcia.

Nuovi alleati. Un possibile supporto in tal senso potrebbe arrivare dalle nuove tecnologie di connessione, e in particolare da quella garantita tramite servizi wireless radio, più “leggeri” rispetto alle infrastrutture classiche: un ambito, questo, su cui stanno puntando operatori come Tim e soprattutto Eolo, l’azienda lombarda che sta implementando la propria offerta Adsl casa anche nella nostra regione e che dovrebbe raggiungere anche l’area di Fiumicino, ampliando quindi le possibilità per i residenti che vogliono connettersi alla Rete in modo veloce.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.