2 dicembre 2016

Sempre più ragazze nigeriane in italia per sfruttamento sessuale

Ragazze ingannate da conoscenti, vicini di casa, amci o addirittura finti fidanzati, che le fanno arrivare in Italia, per poi avviarle al mercato del sesso sulle strade delle nostre citta’ o in centri chiusi. Ragazzi che prima di partire stipulano un vero e proprio “contratto” con le reti criminali che poi li sfruttera’ il piu’ possibili. Sono giovani che arrivano da Nigeria, Romania, Albania, Egitto, Somalia e che invece di costruirsi un futuro nel nostro paese diventano piccoli schiavi. A fotograre il fenomeno e’ l’ultimo rapporto di Save the children, che raccogliendo diverse testimonianze dei minori non accompagnati giunti nel nostro paese, ha delineato un profilo per ogni nazionalita’. Boom di arrivi di ragazze nigeriane, molte di loro finiscono vittime di sfruttamento sessuale. Il numero delle minori e giovani donne nigeriane arrivate in Italia potenzialmente ad alto rischio di sfruttamento e’ in continuo aumento: nei primi sei mesi del 2016, sono state registrate 3.529 donne di nazionalita’ nigeriana sbarcate sulle nostre coste, tutte molto giovani, e 814 minori non accompagnati, tra cui si registra una significativa presenza di ragazze adolescenti. Questo dato riflette un trend in aumento che ha visto un incremento del 300 per cento degli arrivi di ragazze nigeriane nel nostro Paese tra il 2014 e il 2015. La maggior parte di loro sono adolescenti di eta’ compresa tra i 15 e i 17 anni, con un numero crescente di bambine di 13 anni.

Secondo le testimonianze raccolte da Save the Children, le ragazze vengono adescate nel circuito della tratta tramite conoscenti, vicini di casa, compagne di scuola o spesso anche sorelle maggiori gia’ arrivate in Italia. Una volta reclutate, vengono costrette ad un giuramento tramite i riti dello juju o del voodoo, con cui si impegnano a restituire allo sfruttatore il proprio debito, che si aggira tra i 20.000 e i 50.000 euro. Spesso vengono costrette alla prostituzione gia’ durante il viaggio che le portera’ in Italia, mentre attraversano il Niger e durante la successiva sosta in Libia, e arrivano nel nostro Paese sotto il controllo dei trafficanti.Molte ragazze vengono dunque indotte alla prostituzione gia’ nelle aree limitrofe ai centri di accoglienza e identificazione, oppure vengono trasferite dai trafficanti in Campania, per essere smistate e distribuite nelle principali citta’ italiane. Le vittime di tratta devono prostituirsi per ripagare il loro debito allo sfruttatore, ma la cifra aumenta ulteriormente perche’ le ragazze sono costrette a pagare un affitto sia per il luogo in cui vivono che per il marciapiede, con un costo per quest’ultimo che va dai 100 ai 250 euro al mese. Inoltre il debito cresce in funzione di meccanismi sanzionatori arbitrari messi in atto dagli sfruttatori, che “multano” le ragazze ogni volta che si ribellano alle regole imposte dal sistema di sfruttamento. Le ragazze sono quindi costrette a prostituirsi in qualsiasi condizioni fisica e a costi bassissimi e ad accettare anche rapporti non protetti, con la conseguenza di dover ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza, spesso clandestina, ed esponendosi al rischio di malattie sessualmente trasmissibili. Per riuscire a sopportare questa vita, molte ragazze cominciano a fare ricorso a sostanze stupefacenti psicotrope, su induzione dei loro trafficanti.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5914 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.