‘Latina per Latina’ sarà un luogo di confronto e di ricostruzione



Ho letto i timori del consigliere Calvi legati a una eventuale non convocazione del Tavolo “Latina per Latina”, che è stato istituito per volontà del Sindaco durante la prima emergenza Covid e che ha permesso alla gestione del Comune di essere più inclusiva. Lo voglio ringraziare, perché in un certo modo conferma la grande utilità del Tavolo e dall’altro ci dà l’occasione per rendere nota una nostra intenzione: quella di trasformare quel luogo di confronto e di concertazione in uno strumento che possa guardare anche al futuro e allo sviluppo, che non si può non costruire con il contributo di tutti. Sarà quella la sede più idonea per parlare pure di Next Generation Europe e del Recovery Plan.

Classe politica pronta

Credo sia il modo più significativo per dimostrare che la classe politica è pronta a guidare il percorso della nostra comunità fuori dalla crisi e verso il futuro: costruire un posto dove non vi siano polemiche di parte, ma visioni differenti che possano costruire una Latina migliore. Con il Sindaco crediamo sia necessario un imminente incontro del Tavolo per definire insieme i passi della ‘ricostruzione’ dopo aver affrontato l’emergenza.

Da dove partiamo? Il bilancio del Comune di Latina, alla verifica degli equilibri, conta almeno 5 milioni e 700mila euro di minori entrate con un ristoro solo parziale – ad oggi circa 4 milioni – da parte del Governo. Proprio per rispondere in modo sistemico agli indirizzi concordati nel Tavolo, abbiamo dovuto verificare e valutare ogni singola voce di bilancio per ottimizzare tutte le risorse e non solo compensare le minori entrate, ma anche appunto, trovare gli stanziamenti per concludere quanto avviato con l’assestamento di agosto.

Sulle entrate è bene ancora condividere: solidarizziamo politicamente con gli esercenti di pubblico esercizio per lo sgravio della Tosap (occupazione suolo pubblico) voluto dal Governo e immediatamente recepito dall’Amministrazione, ma occorre sottolineare come in Bilancio vengono a mancare più di 700mila euro dei tributi minori, con un ristoro dal Governo di circa 400mila euro.

La missione, che crediamo debba essere condivisa, è quella di ottimizzare al massimo il non speso per garantire tutti i servizi al cittadino e continuare ad investire per ripartire insieme.

Gianmarco Proietti
Assessore a Bilancio, Finanze e Tributi

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20001 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.