Addio a Pino Scaccia, il cordoglio dell’associazione “Un ricordo per la pace”

scaccia



È morto mercoledi 28 ottobre a Roma per coronavirus all’età di 74 anni il giornalista, scrittore, blogger Pino Scaccia, storico inviato del Tg1. Nato a Roma il 17 maggio 1946 aveva documentato i più importanti avvenimenti della storia contemporanea tra cui la prima guerra del Golfo, il conflitto serbo croato, i conflitti che seguirono la disgregazione dell’Unione Sovietica, i combattimenti in Afghanistan, la rivolta in Libia. La difficile fase del dopoguerra in Iraq lo vide a fianco di Enzo Baldoni, collega giornalista ucciso nel 2004 da un’ organizzazione fondamentalista islamica.

Talento innato

Cronista di talento innato ha realizzato memorabili scoop giornalistici. Fu il primo reporter occidentale ad entrare nella centrale di Cernobyl dopo il disastro nucleare; primo a mostrare le immagini dell’Area 51 nel deserto americano del Nevada; primo a dare prova della morte di Che Guevara in Bolivia fotografandone il corpo. Ha seguito in Italia i principali casi di cronaca, mafia, sequestri di persona (tra cui quello del bambino Farouk Kassam in Sardegna), terrorismo, nonché inviato a documentare cataclismi naturali, alluvioni e terremoti. Tra i fondatori di Articolo 21, associazione che è diventata una testata online basata sulla libertà di stampa e sul pluralismo. È stato docente del master di giornalismo radiotelevisivo all’Università Lumsa di Roma; autore di 15 libri di cui alcuni dedicati alla tragedia dei soldati italiani in Russia (ARMIR) durante il secondo conflitto mondiale.

Ad Aprilia nel 2014 aveva partecipato con l’amico e collega Gianni Perrelli ad un incontro organizzato dall’associazione “Un ricordo per la pace” con gli studenti dell’I.I.S. “C e N. Rosselli” , evento promosso dal giornalista Bruno Liconti (“Professione Inviato”); nel 2016 fu prestigioso relatore in un convegno sulla Campagna di Russia di “Un ricordo per la pace” in collaborazione con “UNIRR” Aprilia.

Esprime il suo cordoglio Elisa Bonacini presidente di “Un ricordo per la pace”

“Ci ha lasciato una delle più grandi firme del giornalismo italiano, ma anche un grande uomo, dal pensiero libero, umile, disponibile e sempre attento alle sofferenze degli ultimi, a prescindere dal credo e dal colore della pelle. Anche la battaglia globale contro il coronavirus l’ha visto reporter di prima linea, documentando attraverso i social e non senza un pizzico di ironia la malattia vissuta nella camera di una clinica romana e condividendo con migliaia di followers le sue sofferenze e le sue speranze. Ma questa volta non ce l’ha fatta ad uscirne indenne ed è deceduto mercoledì 28, lasciando nello sconforto familiari e amici tutti, molti in ambito giornalistico e dello spettacolo.

Riposa in pace Pino e grazie ancora per tutto quello che ci hai donato nello svolgimento della tua attività. Grazie alla tua professionalità di spessore ci è pervenuta lucida di particolari la storia degli ultimi 40 anni. Grazie Pino! Ora vola alto, Gabbiano!”

 

“Un gabbiano di frontiera”

Era così che si definiva Pino Scaccia. Dalla poesia di Vincenzo Cardarelli che narra di un gabbiano il cui desiderio è vivere in pace, ma il cui destino è di vivere costantemente in tempesta. “Questo – spiegava Pino- è il destino che mi sono portato dietro sempre”

 

I funerali del giornalista si sono tenuti nel rispetto delle normi anti-covid nella mattinata di venerdì 30 ottobre presso la chiesa di San Nicola ad Ostia, città che amava molto ed in cui aveva deciso vivere. La stessa chiesa due anni fa aveva accolto il feretro dell’amata moglie Rosaria.

Le più sentite condoglianze al figlio Gabriele e a tutti i suoi cari.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20001 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.