La Raggi sull’abbandono di Cgil, Cisl e Uil al tavolo sulle problematiche cittadine



Così il primo cittadino sulla sua pagina Facebook:

Avevo convocato i sindacati confederali per incontrarli oggi e affrontare insieme a loro i principali temi strategici della città. Ritenevo importante riannodare i fili del dialogo, anche dopo lo sciopero generale dello scorso 25 ottobre. Purtroppo però Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno abbandonato il campidoglio ancora prima di sedersi al tavolo. Ci hanno spiegato di non voler sedere accanto all’Usb.

Beghe poco interessanti

Credo che queste beghe tra organizzazioni sindacali, dettate da vecchie logiche e rancori, interessino poco o nulla ai cittadini. Occorre senso di responsabilità, mettere da parte polemiche che in pochi capiscono e concentrarsi sui problemi da risolvere. Bisogna confrontarsi su come tutelare i lavoratori e rafforzare i servizi per i cittadini.

Collaborazione fondamentale

Non ho alcuna intenzione di alimentare polemiche né di chiudere al dialogo. La collaborazione è fondamentale: lo abbiamo dimostrato con il lavoro sviluppato insieme all’Assessore al Personale Antonio De Santis e ai sindacati della Funzione Pubblica, siglando due contratti decentrati dal 2017 a oggi.

Per questo ho convocato un nuovo incontro, per il 19 dicembre. Mi auguro che stavolta la responsabilità prevalga e si decida di affrontare temi e contenuti. Questo interessa a lavoratori e cittadini.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21427 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.