5 dicembre 2016

Chi scrive a mano usa il cervello più di chi digita

Scrivere a mano o usare la tastiera? Cosa è più conveniente e sopratutto a cosa fa bene indirizzare la scelta verso uno strumento o l’altro? Una ricerca condotta da neurofisiologi francesi e norvegesi conferma che qualcosa si è davvero perso nel passaggio dalla penna alla tastiera. Lo studio, pubblicato su Advances in Haptics, dimostra che scrivere a mano “accende” il nostro cervello molto più che digitare su una tastiera. Scrivendo su carta, gli occhi e i movimenti della mano seguono la creazione della lettera: mentre tracciamo il segno di una “s” vediamo e “sentiamo” formarsi pian piano le curve che la compongono. E questo accende molte più aree cerebrali rispetto al digitare la stessa “s” al computer: in questo caso, infatti, basta premere un tasto ed eccola là sullo schermo, tutta intera. Scrivere a mano implica capacità visive, viso-motorie e viso-costruttive molto superiori al semplice digitare su una tastiera. Una volta imparate le lettere, però, a noi interessa che un bimbo impari a esprimere per iscritto concetti e idee. In questo caso il computer può rivelarsi un sostegno prezioso: può infatti aiutare i bambini, attraverso software specifici, a individuare e correggere gli errori di scrittura e quindi a produrre un testo più corretto e ricco. L’uso del computer oggi è una risorsa non trascurabile, quando ha una funzionalità integrativa. Viceversa, i “nativi digitali”, i bambini nati dopo il 2000, più avvezzi alla realtà virtuale che alla vita reale, nel passaggio alla vita “tecnologica” pare proprio che rischino di dimenticare (o non imparare!!) abilità utili nella realtà quotidiana, quali allacciarsi le scarpe o andare in bicicletta, come ci dice una ricerca cecoslovacca svolta recentemente “interrogando” 2200 mamme di bimbi dai 2 ai 5 anni.