Scopriamo Andrea Taglialatela



Uno degli aspetti belli del motociclismo è che non c’è limite temporale per praticarlo. Quando la passione è tanta, la voglia di sfidare il cronometro e gli avversari mentre si danza tra un cordolo e l’altro, mette in secondo piano le primavere che si hanno alle spalle. Il napoletano Andrea Taglialatela, nonostante avesse spento da poco trentasette candeline, è impegnato in sella ad una Yamaha R6 nella Coppa Italia, animato da un grande spirito guerriero. L’ultima trasferta di Vallelunga non è stata proprio positiva, ma si guarda al futuro con il sorriso: “Nella  – racconta Taglialatela – vita di tutti i giorni sono un imprenditore che lotta con tutte le sue forze per sconfiggere la crisi. Nei fine settimana emerge il mio lato sportivo, così sono sulle piste di tutta Italia ad allenarmi e divertirmi. L’esordio è datato 2007, quando conclusi undicesimo ad una prova del Trofeo di Natale proprio sul circuito di Vallelunga, dove ho disputato l’ultimo round della Coppa Italia. In griglia di partenza ero quarto, e allo spegnimento del semaforo ero con i primi a giocarmi la leadership. Dopo poche tornate, però, accuso un forte dolore all’avambraccio destro. Così, giro dopo giro, perdo posizioni, perché frenare diventa sempre più complicato. Alla bandiera a scacchi giungo settimo. Tutto sommato come risultato non è male, ma l’amaro in bocca c’è, perché avevo un bel passo”. La prossima sfida per Andrea avrà come scenario la bellissima e difficile pista del Mugello: “E’ – dice il partenopeo – il mio tracciato preferito e mi aspetta una gara difficile. A rendere incandescente l’atmosfera non sarà solo il clima, ma anche l’alto livello degli avversari. Io, però, sono molto carico e tenterò tutto il possibile per tagliare il traguardo per primo”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20523 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.