Dall'Italia

Iva Zanicchi: “Dato che il mio spettacolo si chiama ‘Una vita da zingara’ spero di non avere Salvini dietro qualche poltrona con la fionda”

Iva Zanicchi: “Quando dico che siamo tutti un po’ razzisti, è perché ricordo che quando dal mio paesello andavamo a scuola al paese più grande ci consideravano straniere e ci picchiavano tutti i giorni. Metoo? Quando avevo 19 anni al Festival di Castrocaro un signore mi promise di darmi una mano se ci fossi stata, io me ne sono andata, se una non vuole non vuole. Sesso? Quando ero ragazza c’era fin troppo riserbo, non se ne parlava, non si vedeva sui giornali e tv, ma si praticava. Adesso invece se ne parla e si vede molto, ma si fa molto meno. Il mio rapporto coi social? Pessimo, ero partita con grande entusiasmo, poi siccome mi mandavano affanculo un giorno sì e l’altro pure, ho smesso di seguirli” [CONTINUA]