ILVA: il Codacons ha fatto emergere elementi importanti a dimostrare il nesso di causalità tra le emissione del siderurgico e diverse patologie respiratorie

Si è tenuta a Taranto l’udienza per il processo ambiente svenduto davanti la Corte di Assise. Nel corso dell’escussione del dott. Corbo (pneumologo) gli avvocati del Codacons Vincenzo Rienzi e Antonio Castiello hanno fatto emergere elementi importanti a dimostrare il nesso di causalità tra le emissione del siderurgico e diverse patologie respiratorie (non esclusivamente di natura tumorale).
Risvolti anomali inoltre ha riservato l’escussione del consulente della Procura della Repubblica, Dott. Vito Balice, che nel corso dell’esame avrebbe sollevato dubbi in merito ad un passaggio fondamentale della consulenza.
Ha affermato invero il consulente che dopo circa sei mesi dalla fine dell’incarico lo stesso avrebbe riscontrato dubbi circa la provenienza delle polveri analizzate le quali, a sua opinione personale, non proverrebbero esclusivamente dallo stabilimento siderurgico ma anche da altre aziende più o meno limitrofe (ha fatto riferimento a una nota azienda che produce cemento).
Tali parole – che hanno di fatto smentito proprio quanto dallo stesso dott. Balice sostenuto nella sua consulenza – tanto hanno insospettito i pubblici ministeri da indurre lo stesso ufficio di Procura a verificare la credibilità del consulente, chiedendogli se lo stesso fosse stato avvicinato da personale ILVA nel corso della redazione della consulenza tecnica – nello specifico se avesse avuto contatti con l’imputato Girolamo Archinà (presente peraltro in aula).
A tale domanda il consulente ha risposto positivamente, precisando tuttavia che non si è trattato di incontri legati al suo incarico in questo processo.
All’esito del controesame la consulenza, malgrado le richieste dei difensori degli imputati, è stata acquisita agli atti e a questo punto la difesa degli imputati ha nuovamente proposto al collegio di astenersi. Proprio in ragione della volontà di acquisire la consulenza dopo quanto era stato chiesto dal pubblico ministero al dott. Balice.
Il Presidente del Collegio, in scioglimento della riserva, ha rigettato l’istanza e ha disposto che si proceda con l’udienza. Rigettata pertanto l’ennesima eccezione infondata presentata dal collegio difensivo degli imputati che, si ricorda, avevano già ricusato i giudici e rimesso la questione alla Corte di appello di Lecce, la quale recependo il contenuto della memoria depositata dal collegio degli avvocati del Codacons, ne aveva dichiaro la totale infondatezza tanto da condannarli anche ad € 1.500,00 di spese.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9676 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.