Scandalo Università tra inglesi e italiani…..

Il mondo accademico, ed in generale quello della cultura, vive una fase di profonda crisi. Gli ultimi arresti a seguito dell’operazione “Chiamata alle armi” della Guardia di Finanza, enfatizzano ancor di più il lezzo maleodorante proveniente dal mondo universitario.

 

Senza troppi giri di parole, l’università italiana è così incancrenita che tra baroni, amanti, figli, figliastri politici, nani e ballerine vari, da luogo di cultura è diventato (tranne qualche eccezione) un tempio della ciucciaggine e raccomandazione.

 

Nell’indagine richiamata è accaduto che alcuni professori hanno cercato di costringere Philip Laroma Jezzi, candidato ad un concorso per abilitazione in diritto tributario, a ritirare la domanda per favorire, così, un altro candidato, dal curriculum meno importante. Il tutto con la promessa di essere abilitato, sempre tramite raccomandazione, nella tornata successiva.

 

La spiegazione data al Jezzi è che nonostante fosse idoneo, non rientrava nel patto del mutuando. Il Jezzi, infine, è stato invitato a non fare l’inglese ma l’italiano. Uno schifo che, sicuramente, non ci risulta una novità, anzi…

 

Vi racconto, in breve, la storia di un avvocato e giornalista napoletano, che per laurearsi, non essendo figlio di papà, ha dovuto lavorare per studiare. Questa persona ebbe chiaro cosa fosse il percorso universitario il primo giorno in cui mise piede all’ateneo, quando in un’aula gremita all’inverosimile, veniva trasmesso su un monitor la lezione di Storia del Diritto Romano da un assistente di cattedra (certe volte i titolari neanche alle sedute di esame li ha visti…).

 

Durante il suo cammino di studi, quello che è oggi un avvocato ed un giornalista, ha visto le e gli amanti, i figli e le figlie di papà e gli amici degli amici superare esami che richiedevano tanti mesi di applicazione e duro studio, con una facilità da far dubitare anche il più devoto tra i santi.

 

Una volta, una sua bella e brava amica gli confessò che un assistente universitario, in preda agli ormoni, le fece la promessa che sarebbe entrata anche lei nel “giro” (la ragazza ancora non era laureata…) semplicemente se fosse stata accondiscendente con lui, giovane rampante, figlio di un barone….Per fortuna la dignità della sua amica le fece rifiutare la conveniente (sigh) proposta.

 

A proposito di figli dei baroni. L’avvocato in questione vide il titolare di cattedra di una materia oggetto di esame da sostenere, essere messo agli arresti domiciliari. Indovinate con chi sostenne l’esame? Con la figlia; padre arrestato, figlia titolare di cattedra, semplice, no?

 

Memorabile, poi, era la leggenda di cui venne a conoscenza, che vedeva coinvolta una giovane procace assistente in una tresca amorosa con un professore, sposato e con un figlio, guarda caso, inserito anche lui in un percorso “accademico”. Leggenda voleva che tale professore fosse rimasto “sotto” mentre i due oralmente discutevano….Fidatevi che l’amico avvocato non ha affatto colorito la cosa e che non ha denunciato le cose, perché non ha avuto il coraggio di mettersi contro quello che era, ed è, il sistema. L’Università, insomma, per questo odierno giornalista è stata più una guerra per non soccombere che un duro ma piacevole percorso di arricchimento culturale.

 

Oggi, tra tasse sempre più insostenibili e materiale umano e didattico che scarseggia, secondo voi è cambiato qualcosa dal quadro descritto poc’anzi? Il brutto è che questi personaggetti non solo sono sempre meno preparati, ma dispongono della res publica come fosse un dominio privato, seguendo la logica del “questo è mio e questo è tuo”.

 

La facilità, poi, con la quale certi esami si superano (non per cattiveria e senza fare di tutta l’erba un fascio, un pizzico di luce in più su certe università, specie telematiche, non guasterebbe), più che creare una cultura di massa, ha generato una massa di selvaggi che possono fregiarsi del titolo di dottore. Somari che rimangono tali nonostante il titolo, ma che avranno modo di avere più chances semplicemente perché, in un modo o nell’altro, quel titolo lo hanno acquistato.

 

Una corruzione, insomma, che mortifica la meritocrazia, e gli studenti che ogni giorno devono dividersi tra libri e lavori sottopagati, per realizzare il sogno di laurearsi. Un sistema che soddisfa esclusivamente gli interessi personali, professionali o associativi di chi comanda.

Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l’aspetto di giganti. Dobbiamo, in qualità di cittadini, rimettere il merito al centro della società, in particolare del mondo universitario. Non dimentichiamo che la cultura rende liberi e che senza siamo meri oggetti.

Thomas Bernhard amava dire che “Chi è per lo sport ha le masse al suo fianco, mentre chi è per la cultura ha le masse contro. Per questo i governi sono sempre per lo sport e contro la cultura”. Se vogliamo essere soggetti e non oggetti, questo schifo va, da italiani, denunciato, combattuto ed estirpato. Quell’avvocato e giornalista si è pentito e così come lui, siamo tutti in tempo per cambiare verso (Matteo la buona scuola che fine ha fatto?).

Un giorno, infine, quell’avvocato e giornalista, sono sicuro, vi racconterà delle belle su quello che ha vissuto in alcuni tribunali. Ma questa è un’altra storia.

Massimo sostegno a chi, nelle Forze dell’Ordine e nella Magistratura, non si piega all’attuale sistema Italia.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9659 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.