Come si esegue in modo corretto l’ autopalpazione del seno?

autopalpazione cancro al seno

Per la prevenzione del cancro al seno, è buona prassi che le donne si sottopongano regolarmente a visite mediche specialistiche, ed eseguano un primo screening tramite l’autopalpazione.

L’autopalpazione può agevolare la diagnosi precoce aumentando il tasso di sopravvivenza. Le statistiche rilevano che dopo cinque anni dalla diagnosi e dalla terapia, la sopravvivenza delle donne affette da cancro mammario è del 98%1.

Vediamo assieme come si esegue correttamente l’autopalpazione

Prima di iniziare occorre scrutare attentamente il proprio seno stando con le braccia lungo i fianchi e davanti a uno specchio, alla ricerca di affossamenti o profili anomali, variazioni nella forma o nel colore dei capezzoli. Ripetere il tutto con le braccia alzate.

Iniziare portando un braccio sopra la testa e con l’altra mano eseguire l’autopalpazione del seno con le dita tese. Cercare ispessimenti, masse anomale, indurimenti. Ripetere l’operazione dalla parte opposta.

Sdraiarsi sul letto, con testa e spalle sul cuscino, e mettere un braccio dietro il capo. Con la mano libera, sempre a dita tese, tastare il seno con manovre circolari, dalla base verso il capezzolo. Controllare anche le ascelle, per possibili noduli.

Successivamente occorre controllare l’eventuale fuoriuscita di liquido, premendo delicatamente il capezzolo con indice e pollice. Se esce del liquido controllarne la colorazione.

Eseguire una volta al mese l’autopalpazione, lontano dal periodo mestruale, quando il seno è morbido e meno sensibile.

Quando si rilevano anomalie (noduli, infossamenti, fuoriuscita di liquido) è essenziale rivolgersi al proprio medico, senza agitarsi.

I medici specialisti raccomandano un percorso di screening mirato soprattutto per le donne con familiarità al cancro ovarico o mammario. Oltre a mammografie o ecografie, le donne possono sottoporsi a esami genetici per le mutazioni ai geni BRCA, associati allo sviluppo del  cancro ovarico (15% dei casi) e del cancro mammario (5-10% dei casi)2,3.

Per maggiori informazioni: www.brcasorgente.it

Fonti:

  1. airc.it
  1. Campeau PM, Foulkes WD, Tischkowitz MD. Hereditary breast cancer: New genetic developments, new therapeutic avenues. Human Genetics 2008; 124(1):31–42
  1. Pal T, Permuth Wey J, Betts JA, et al. BRCA1 and BRCA2 mutations account for a large proportion of ovarian carcinoma cases. Cancer 2005; 104(12):2807–16

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

I video del giorno