MotoGp, Aragòn: report Ducati

Jorge Lorenzo è salito sul podio del GP de Aragón grazie al terzo posto ottenuto nella gara di oggi, disputata in una splendida giornata di sole davanti ad un pubblico numeroso (70.541 spettatori dichiarati dagli organizzatori). Il pilota spagnolo del Ducati Team è scattato molto bene al via ed è subito passato in testa alla prima curva, mantenendo poi il comando della gara per quindici giri. Nel corso del sedicesimo passaggio Jorge è stato superato da Marquez e a tre giri dalla fine anche da Pedrosa ed ha quindi tagliato il traguardo in terza posizione, a due secondi dal vincitore.
Settimo posto finale per Andrea Dovizioso, che partiva dalla terza fila. Il pilota romagnolo ha lottato con il gruppo di testa per metà gara, mantenendo la quarta posizione fino al quattordicesimo giro, ed ha successivamente ingaggiato una bella battaglia con Rossi e Viñales ma negli ultimi giri non è più riuscito a difendere la posizione ed ha chiuso al settimo posto la sua gara.
In classifica generale Dovizioso, secondo, ha ora un distacco di 16 punti dal leader Marquez mentre Lorenzo risale al settimo posto con 106 punti.
La MotoGP tornerà in pista a Motegi (Giappone) dal 13 al 15 ottobre.
Jorge Lorenzo (Ducati Team #99) – 3°
“E’ stata una gara molto dura che però abbiamo saputo gestire bene, e alla fine abbiamo ottenuto un podio importante. Questo terzo posto ha un sapore migliore di quello di Jerez perchè siamo arrivati molto vicini al vincitore e abbiamo lottato fino al traguardo. Peccato non essere riusciti a mantenere lo stesso ritmo negli ultimi sette giri, ma per essere competitivi in gara non avevamo altra scelta che usare la gomma posteriore morbida anche se sapevamo che nel finale il suo rendimento sarebbe calato. In ogni caso è importante constatare che continuiamo a progredire e che ad ogni gara mi trovo meglio e quindi sono certo che la mia prima vittoria arriverà presto.”
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 7°
“E’ stato un weekend complicato e la mia gara è stata difficile. All’inizio ho provato a stare con il gruppo di testa, ma purtroppo non avevo molte carte da giocare: non aver potuto girare venerdì ha sicuramente complicato la situazione perché sapevamo che questa non era una pista facile per noi e avremmo avuto bisogno di più tempo per lavorare. Non credo che aver scelto la gomma posteriore morbida sia stato un errore, e il calo di prestazioni verso la fine della gara secondo me è da addebitare ad altri fattori, visto che comunque perdevo veramente tanto in alcuni punti della pista. Peccato per il settimo posto finale ma, viste le condizioni, era il massimo che potevo fare oggi. Ci sono ancora tanti punti in palio nelle prossime quattro gare e quindi cercheremo di sfruttare al meglio le prossime occasioni.”

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9659 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.