Un Profilo per Due

Un-profilo-per-due

Il protagonista di Un profilo per due è un personaggio che si rifà alla tradizione della commedia francese e che richiama al contempo la scrittura goldoniana rappresentata a Parigi (si pensi all’opera teatrale “Le Bourru Bienfaisant”- “Il Burbero Benefico” scritta in francese da Carlo Goldoni e rappresentata a Parigi il 4 novembre 1771, N.d.R.).

L’ottantenne Pierre vive da solo nel suo appartamento: il “burbero benefico” da quando è venuta a mancare la moglie, non esce mai da casa, si trascura, quando parla commette una gaffe dietro l’altra ed è avaro.
Desiderando che il padre si interessi alle novità della vita moderna, la figlia Flora gli regala un computer.
Il personaggio di Alex- nel doppio ruolo d’insegnante d’informatica e di fidanzato di Juliette, nipote prediletta di Pierre- indossa molto bene la maschera del clown triste: destinatario delle gaffes del “burbero benefico” incassa i colpi senza batter ciglio.
Il giovane co-protagonista,  è la versione attor giovane in  cerca d’amore e di fama:  ha grande ambizione di fare lo scrittore per il cinema.
Il suo editore gli chiede di scrivere, almeno, tre soggetti dallo stile trash che possano interessare una certa tipologia di lettori: leggerà i soggetti e poi, forse, lo pagherà (che sfruttatore di talenti! ). Per gloriarsi del suo nuovo incarico Alex confida a Flora che sarà presto autore di una serie televisiva. Risate del pubblico!
Intanto il “burbero benefico” s’iscrive in una chat per incontri e inserisce una fittizia data di nascita: 1984. Ancora risate del pubblico in sala!
Ma ecco la trovata: Pierre mette sul suo “profilo” la foto di Alex il “clown triste”, dichiarando di essere uno studioso di lingua cinese.
Il Pierre è ormai lanciato… dialoga con giovani donne, che sullo schermo appaiono e scompaiono…Immagina di danzare con ciascuna di loro, sempre più divertito.
Arriva il giorno di un vero appuntamento: l’ormai ex “burbero benefico” chiede ad Alex di accompagnarlo a Bruxelles, per incontrare una donna, conosciuta in chat con la quale ha iniziato un lungo “carteggio”.Sarà Alex a “interpretare” il ruolo  di Pierre! La sostituzione di persona sta per essere compiuta: anche questo è un elemento tipico della commedia degli equivoci e Pierre ne è l’autore.
Il pubblico non sa cosa si sono detti lui e la ragazza e Alex dovrà interpretare un ruolo che non conosce, dovrà improvvisare le battute, come solo un bravo attore sa fare. Et voilà Flora lo accoglie con una frase di saluto in perfetto cinese. Ohi, ohi!
Noi ridiamo, ma Alex, se la vede brutta.
Marie chiede ad Alex perché non ha un cellulare e non usa Skype: Pierre che è l’autore di questa storia inventata su internet, vede agire i “suoi” personaggi nella realtà.
Colto da un irrefrenabile desiderio di sapere cosa sta succedendo Pierre entra nel locale, dove sono i due giovani e si siede a un tavolo vicino: l’autore e suoi personaggi sono ad un passo…Il momento idilliaco giunge inevitabilmente e fra i due nasce una relazione.
Pierre esplode: “Tu scopi al posto mio!”.

E Alex: ”Tu scrivi al posto mio”. Il colpo di teatro non manca quando Juliette e sua madre, irrompono in casa. Si sta per svelare tutto?
Un profilo per due è una deliziosa commedia degli equivoci, irresistibile, grazie ad una sceneggiatura perfetta.
Bravissimi gli attori, tutti. Un film da vedere!

Appendice. Frammenti d’intervista a Stephan Robelin

” Con Un profilo per due ho avuto modo di rifarmi alle stesse domande temi di “E se vivessimo tutti insieme?” aprendo ulteriormente la discussione sul rapporto fra generazioni. A Pierre si presenta l’opportunità di immedesimarsi in un giovane, da qui l’idea di uno scambio d’identità fra un anziano signore un ragazzo che potrebbe essere suo nipote. Forse si tratta di una reminiscenza dell’infanzia. Avuto la grande fortuna di conoscere tutti e quattro i miei nonni.
Quando ero giovane li vedevo spesso. Mi hanno dato tantissimo, mentre io da adolescente acquisiva un’indipendenza, loro gradualmente la perdevano.
Trovo questa inversione di ruoli evocativa. Un profilo per due è sostanzialmente un Cyrano dei nostri tempi. Pierre potrebbe essere si erano, Alex Cristiano e Flora Rosanna…
Pierre è interpretato da…… Pierre Richard …Probabilmente non è una coincidenza…
In effetti no. Pierre è l’attore della mia infanzia, che mi ha fatto sognare e ridere. Lo avevo già chiamato a recitare nel mio film precedente, dove interpreta il marito di Jane Fonda. In quell’occasione gli dissi di fare qualcosa di diverso dal genere burlesco, sul quale aveva costruito la sua carriera. Questo l’ha colto di sorpresa e nonostante i dubbi iniziali è riuscita a rendere il personaggio realistico recitare senza usare tutto il corpo. È stato incredibile, così ho voluto scrivere una nuova parte per lui, un ruolo comico ma non solo… ed è uscito il personaggio di Pierre.
Perché hai scelto Yaniss Lespert come suo partner?
Non è stato facile trovare un volto per il personaggio di Alex. Doveva avere circa 25 anni ed essere in grado di tenere testa Pierre. Un giorno visto per caso la serie Don’t do this, don’t do that, e ho scoperto Yaniss. Mi è piaciuto il suo modo di interpretare un giovane adulto, un po’ maldestro insicuro, ma allo stesso tempo calmo e costante. Ho fatto fare a Yaniss una prova con Pierre e il rapporto ha funzionato all’istante.

Com’era l’atmosfera sul set?
Quando siamo una squadra di persone amichevoli attori come tecnici, tutto procede benissimo.
Hai qualche modello cui ti ispiri
Non proprio. Bertrand Blier mi ha fatto desiderare di fare questo lavoro. Amavo la sua libertà di tono. Quando ho iniziato a studiare cinema andava matto per le commedie sociali di Mike Lee e Ken Loach. Al giorno d’oggi sono molto colpito da registi come Fatih Akin e Xavier Dolan, ma cerco di fare il mio cinema, di mettere al centro persone che si vedono raramente sul grande schermo.

Titoli di coda
Regia: Stéphane Robelin
Attori: Pierre Richard, Yaniss Lespert, Fanny Valette, Gustave de Kervern, Stéphane Bissot, Macha Meril, Pierre Kiwitt, Anna Bederke
Paese: Francia, Germania, Belgio
Distribuzione: Officine Ubu

 

 

I video del giorno

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 248 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.