Papa: “Favorire formazione giovani e amore verso umanità più bisognosa”

Un invito a “ritornare al primo e unico amore”, quindi a “tenere fisso lo sguardo sul Signore Gesù Cristo” per imparare ad amare “con cuore umano”, a prendersi cura delle “pecore smarrite e ferite”, per adoperarsi in favore di “giustizia” e “solidarietà” verso i deboli e i poveri e di “speranza e dignità” ai diseredati, andando “dovunque un essere umano attende di essere accolto e aiutato”. Così il Papa ricevendo in Sala Clementina i partecipanti al Capitolo generale dei Missionari del Sacro Cuore di Gesù, 85 persone. Ricordando come l’Istituto sia stato fondato dal sacerdote Jean Jules Chevalier, puntando a testimoniare “l’amore tenero e misericordioso di Gesù” verso tutti, specialmente oggi verso quelle “porzioni di umanità più bisognose”, Francesco sottolinea come, essendo missionari nel mondo, il primo vangelo che la Chiesa affida loro è quello di mostrare “l’amore appassionato e tenero di Dio per i piccoli, gli ultimi, gli indifesi, gli scartati della terra”.

Il Pontefice nota come, benché anche i Missionari del Sacro Cuore di Gesù abbiano sofferto “una certa diminuzione” numerica rispetto al loro secolo e mezzo di vita, “l’aumento delle vocazioni” in Sud America, Oceania e Asia “conforta” e “dà speranza per il presente e il futuro”, in modo che “anche la formazione cristiana della gioventù” possa essere “garantita e incrementata”. Francesco evidenzia inoltre come sia “urgente” oggi il compito di educare e accompagnare le nuove generazioni “ad apprendere i valori umani e a coltivare una visione evangelica della vita e della storia”. Evoca l’“emergenza educativa” in atto, che è “senz’altro” una delle “frontiere” della missione evangelizzatrice della Chiesa, “verso le quali tutta la comunità cristiana è invitata ad uscire”.

La Congregazione dei Missionari del Sacro Cuore di Gesù, osserva il Papa, conta un “buon numero” di membri, fra i quali un “consistente gruppo di religiosi fratelli”, che – aggiunge – sono “una grazia del Signore”. L’esortazione è dunque a non cedere “al male del clericalismo, che allontana il popolo e specialmente i giovani dalla Chiesa”, e a vivere una “vera fraternità, che accoglie le diversità e valorizza la ricchezza di ciascuno”. Invita quindi a non avere “paura” di continuare e incrementare “la comunione con i laici” che collaborano nell’apostolato dei Missionari. Con loro e “con le sorelle della congregazione femminile”, prenderà vigore una più grande ‘famiglia carismatica’, che meglio mostrerà la vitalità e l’attualità del carisma di Jean Jules Chevalier.

 

(Da Radio Vaticana)

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9389 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.