Caso Chikungunya, Palumbo, PD: “Cosa aspetta la Raggi per l’ordinanza?”

Caso Chikungunya- zanzara

Caso Chikungunya – “La  Chikungunya, sta determinando una situazione grave, che in caso di ulteriori ritardi potrebbe causare una vera e propria epidemia. Sulla salute dei cittadini non si scherza. La Raggi può continuare a giocare con le figurine sulle nomine degli Assessori e dei Dirigenti, con la sua incompetenza e approssimazione può lasciare Roma nel degrado e nell’incuria, ma sulla salute dei cittadini  non si scherza né si gioca.

La Raggi e il suo Assessore Montanari mostrano di non essere affatto affidabili continuano a tergiversare anziché firmare l’ordinanza ed attivare un piano concreto di intervento per limitare i contagi.

Invece, continuano a parlare di tavoli e di riunioni al posto di interventi che andavano fatti già a partire dalla settimana scorsa. La comunicazione della Regione Lazio è stata inviata  giovedì 7 settembre in quale cassetto della Montanari è andato a finire? Quali sono le motivazioni per non aver attivato le procedure che la legge impone? La Montanari anziché polemizzare su date, che ovviamente vengono smentite dalle carte, e scaricare sugli altri le responsabilità, perché non sta agendo? La Sindaca Raggi , anche se ormai siamo in netto ritardo visto che i casi sono saliti a 13 firmi immediatamente l’ordinanza contingibile ed urgente per l’avvio della disinfestazione di carattere sia adulticida che  larvicida, perché bisogna si uccidere le larve ma anche le zanzare in vita.”

Così in una nota il consigliere del PD capitolino Marco Palumbo.

I video del giorno