A Formia verrà ricordato il Gen. Dalla Chiesa

Nel trentacinquesimo anniversario della strage mafiosa di via Carini in cui persero la vita il Prefetto di Palermo, Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa, la Consorte, Sig.ra Emanuela Setti Carraro, e l’agente di scorta Domenico Russo, le Sezioni locali combattentistiche e d’arma (Associazione Invalidi e Mutilati di Guerra, Istituto del Nastro Azzurro, Combattenti e Reduci, Marinai d’Italia, Arma Aeronautica, associazione dei Carabinieri, dei Finanzieri e della Polizia di Stato in congedo), con la collaborazione dell’Associazione “Reti di Giustizia”, della Proloco e del Centro Commerciale Naturale “Le due torri”,  organizzano per venerdì 1° settembre a Formia, presso la Villa Comunale “Umberto I”,  con inizio alle ore 18,30, un incontro con il generale dei Carabinieri Angiolo Pellegrini per la presentazione del suo libro “Noi gli uomini di Falcone. La guerra che ci impedirono di vincere”. L’Autore sarà intervistato da Pino Ciociola, inviato speciale del quotidiano Avvenire, già impegnato sul fronte della Terra dei Fuochi.

L’incontro sarà anche l’occasione per ascoltare, dall’esperienza diretta del generale Pellegrini, comandante della sezione anticrimine tra il 1981 ed il 1985 e uomo di fiducia del giudice Falcone, gli aspetti meno conosciuti di quella lotta, ritenuta dai più “senza speranza”, in una città come Palermo dove anche i potenziali poteri amici facevano resistenza passiva contro il nuovo prefetto, prima, e contro il pool antimafia, poi.

Si combatteva, in quegli anni, contro una piovra mafiosa che aveva i tentacoli nell’isola e la testa sul continente. Non a caso, il generale Dalla Chiesa sosteneva che: “Chiunque pensi di combattere la mafia nel “pascolo” palermitano e non nel resto d’Italia non farebbe che perdere tempo”.  Tuttavia, come ci conferma il generale Pellegrini, si trattava di una guerra che soltanto pochi volevano vincere.

Alla riuscita della doverosa iniziativa, ricorda il dott. Mansillo, che è tra gli organizzatori dell’evento, hanno concorso le associazioni combattentistiche e d’arma per onorare, insieme all’associazione antimafia “Reti di giustizia”, la persona del prefetto Dalla Chiesa, caduto sul fronte del dovere nella sua qualità di rappresentante del governo e di responsabile dell’ordine pubblico, in una guerra contro la mafia “condotta – come amava ribadire egli stesso – nell’interesse dello Stato”, per spezzare il connubio tra criminalità organizzata e settori della politica e del mondo imprenditoriale.

Va sottolineata, inoltre, la fattiva partecipazione della Pro Loco e dell’associazione dei commercianti “Le due torri” per evidenziare che il nostro territorio, pur aggredito dalle infiltrazioni della criminalità organizzata, impegnata a riciclare i proventi dei reati negli investimenti commerciali e finanziari, è fondamentalmente sano e saprà trovare, al suo interno, gli anticorpi per reagire alla cultura e all’ingerenza mafiosa.

Associazione Nazionale Invalidi e Mutilati di Guerra,  Istituto del Nastro Azzurro,  Associazione Nazionale Combattenti e Reduci,  Associazione Marinai d’Italia,  Associazione Arma Aeronautica,  Associazione Nazionale Carabinieri,  Associazione Nazionale Finanzieri,  Associazione Nazionale Polizia di Stato,  Associazione “Reti di Giustizia – Il sociale contro le mafie”, Pro Loco di Formia, Centro Commerciale Naturale Associazione “Le due torri”.

I video del giorno