Mummia del Similaun: Otzi, l’uomo venuto dal ghiaccio

Mummia del similaun: Otzi, l'uomo venuto dal ghiaccio

Mummia del Similaun – Il processo di mummificazione non è soltanto indotto dall’uomo ma vi sono casi di mummificazione causati da fenomeni naturali e che potremo definire: mummificazione naturale.
Uno dei migliori esempi di mummificazione naturale è Otzi il cacciatore del neolitico rinvenuto tra i ghiacci delle montagne del Similaun.

Si sapeva già da tempo che il ghiaccio rappresenta una condizione ottimale per la conservazione dei resti organici, ma trovare a tutto tondo un uomo risalente tra il 3300 e il 3200 a. C. (età del rame), è davvero un fatto eccezionale.

Nel settembre del 1991, mentre, i coniugi Simon stavano compiendo un’escursione nell’alta Val Senales, sotto il Giogo di Tisa, nel Gruppo del Similaun, s’imbatterono, (ad una quota di 3213 metri s.l.m.), nel cadavere mummificato e congelato di un uomo che affiorava dalla neve.

Il corpo pressoché intatto della Mummia del Similaun e informalmente chiamato Otzi (vista la vicinanza del luogo della scoperta con la Valle austriaca della Ötzatal), al momento del ritrovamento pesava appena 13 chili. Successivi studi hanno stabilito che il corpo apparteneva ad un uomo di circa trentacinque/quarant’anni, alto poco più di 1,60 metri e del peso di 50 kg. Otzi era vissuto fra il 3352 e il 3108 a.C.

Ulteriori analisi hanno evidenziato la presenza di una punta di freccia in selce all’interno della spalla sinistra; alcune ferite ed abrasioni portano ad ipotizzare che l’uomo morì di morte violenta piuttosto che per cause naturali, come era stato supposto in un primo momento. Si può immaginare che, una volta ferito, cadde a terra con la faccia in giù e morì da solo, come forse era vissuto. Poi sopraggiunse la disidratazione che a basse temperature provocò la mummificazione. Il suo corpo restò nascosto nel ghiaccio fino a quando fu fortunatamente visto e recuperato.

I primi studi, sul corpo di Otzi, compiuti da esperti provenienti da tutto il mondo, furono effettuati a Innsbruck (Austria). Solo successivamente venne riconosciuto che il luogo di ritrovamento si trovava in territorio italiano e conseguentemente la mummia del Similaun venne trasferita a Bolzano. Con la restituzione di Otzi Bolzano ha avuto la possibilità di incrementare il turismo diretto al Museo Archeologico dell’Alto Adige dove la mummia del Similaun è conservata in un’apposita struttura con circa il 99,6% di umidità e -6 °C. Ogni due mesi un medico specializzato spruzza sulla mummia dell’acqua distillata, che congelandosi forma una patina protettiva e restituisce lo 0,4~0,5% di umidità mancante.

Nell’alta Val Senales è stato invece realizzato l’Archeoparc Museum Val Senales per ricordare il rinvenimento di Otzi Museo interattivo che illustra le numerose scoperte ottenute grazie a tale ritrovamento e ricostruisce, in base agli oggetti recuperati e che portava con sé, l’ambiente di vita di Otzi.

Al momento della scoperta furono raccolti anche oggetti di uso comune appartenenti ad Otzi: un arco in legno di tasso, una faretra con due frecce pronte e altre in lavorazione. Altri oggetti erano contenuti nello zaino di Otzi corredo costituito da un pugnale di selce, un “correttore” per lavorare la selce, un’ascia in rame, una perla in marmo, esche e acciarino.

Il corredo è conservato sotto azoto in speciali vetrine climatizzate ad una temperatura di 18° Celsius.

L’importanza scientifica e storica di questo corpo umano preistorico è enorme: per la prima volta la scienza medica può disporre del materiale genetico, del sangue e del cervello di un uomo così antico. Tutto ciò ha permesso con grande interesse di documentare la straordinaria scoperta e di risalire all’età, al sesso ed al peso prima della morte dell’uomo venuto dal ghiaccio.

La particolarità sono i cinquantasette tatuaggi di Otzi tatuaggi che lo portano ad essere considerato il primo essere umano tatuato di cui si abbia conoscenza e per questa ragione, diventando molto famoso fra i tatuatori di tutto il mondo.

La mummia del Similaun Otzi museo orari

Museo archeologico dell’Alto Adige – Via Museo 53, 39100 Bolzano, Alto Adige – Italia
È possibile vedere la Otzi, la mummia del Similaun nei seguenti orari:
Martedì-domenica  ore 10.00-18.00 (ultimo ingresso: ore 17.30)
Chiuso il lunedì eccetto se il lunedì è festivo
Nei mesi di luglio, agosto e dicembre il museo è aperto tutti i giorni.

I video del giorno

Informazioni su Samantha Lombardi 4787 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it