Mummificazione egizia: storia, rituali e procedimenti

mummificazione nell'antico egitto

Mummificazione egizia – Con il termine mummificazione si indica un insieme di processi chimici e fisici che un corpo subisce dopo la morte. La mummificazione naturale avviene senza l’intervento umano, servono determinate condizioni esterne e interne al corpo il quale deve subire una massiccia disidratazione.
Mentre la mummificazione artificiale avviene grazie all’intervento di alcune tecniche specifiche.

I corpi mummificati, con la disidratazione assumono un colorito brunastro e la pelle diventa dura come il cuoio o la pergamena e aderisce completamente alle ossa, mantenendo comunque riconoscibili i tratti somatici.
Esempi di mummificazione egizia in Italia possono essere ammirati presso i Musei Vaticani e il Museo Egizio di Torino.

Le mummie più famose sono quelle egizie, la mummificazione in Egitto veniva praticata secondo tre  procedimenti diversi, uno riservato al faraone ed alla sua famiglia, uno per i nobili ed i ricchi ed uno per i poveri.

In precedenza i morti venivano semplicemente deposti direttamente sotto la sabbia, avvolti con stuoie o custoditi dentro casse di legno rosso, qui l’aridità dell’ambiente provocava una rapida disidratazione del corpo preservandolo da ulteriori decomposizioni. Il più antico esempio di mummificazione egizia, conservata al British Museum di Londra, risalente più o meno al XXXIII secolo a.C. è proprio quella appartenente ad un cadavere sepolto nella sabbia del deserto e che si è conservata grazie alle condizioni ambientali.

I video del giorno

Informazioni su Samantha Lombardi 4780 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it