Lazio, Inzaghi: “Il gol una liberazione, volevamo i tre punti”

“Nel primo tempo abbiamo fatto poco, siamo stati passivi e non mi sono piaciuti i miei ragazzi. Siamo andati in vantaggio e abbiamo poi concesso troppo al Chievo, l’ho detto ai miei ragazzi. Non eravamo in campo con il piglio giusto: nella seconda frazione siamo scesi con l’animo giusto. Il gol di Milinkovic è stato una grande liberazione, volevamo questa vittoria con tutte le nostre forze. Continueremo a lavorare in questa sosta per poi farci trovare pronti contro il Milan.

Questa gara era molto importante. Eravamo reduci dal pareggio con la Spal e volevamo fortemente i tre punti. Ero molto contento al momento del gol, avevamo sfiorato più volte la rete e la realizzazione è stata una liberazione. Abbiamo vinto a Verona e non è mai semplice, lo sappiamo. Anche da calciatore non avevo una tradizione favorevole con gli scaligeri, in tal senso, questa vittoria è molto importante.

Felipe Anderson si è fatto male contro il Bayer Leverkusen. Non sappiamo ancora le sue condizioni, vedremo se riusciremo a recuperarlo con il Milan. Ci sta mancando, aveva svolto al meglio il pre campionato. Quest’anno è sempre il primo ad arrivare agli allenamenti, aveva fiducia e stava facendo molto bene. Ha avuto un problemino fisico. Proveremo a recuperarlo al 100%.

Abbiamo bisogno di un giocatore in attacco che ci possa aiutare come ha fatto Keita. Mancano 5 giorni alla chiusura del mercato, dovremo prendere in considerazione delle soluzioni perché siamo attesi da un calendario molto folto. Inoltre, dovremo sostituire anche Hoedt che è stato un difensore importante per noi. Nel primo tempo mi ero arrabbiato perché avevamo fatto poco, pretendevo di più: abbiamo fatto un buon secondo tempo creando diverse occasioni.

È molto difficile affrontare il Chievo ogni anno, è una squadra molto ben allenata. La squadra scaligera ha gestito bene il pallone ed è una compagine che ha voluto gestire al meglio il possesso”. 

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9372 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.