Roma, Bordoni, FI “Grillo e Casaleggio giocano con le nomine mentre Roma sta morendo”

La giunta grillina proprio non riesce a trovare pace. Siamo al quarto Assessore al Bilancio in quattordici mesi di governo. E questo è l’ultimo dei turn over del mese di agosto. Per non parlare del resto della giunta e delle nomine dei dirigenti delle partecipate, che cambiano con la stessa velocità. O scappano di loro sponte appena capiscono l’incompetenza grillina, oppure vengono fatti fuori direttamente dai piani alti del Movimento. Senza che la Sindaca se ne rendesse conto è stata silurata dai suo stessi ‘amici’ e sostenitori. Sono Grillo e Casaleggio che decidono le nomine dei nuovi assessori o dirigenti. Le hanno messo intorno persone esterne alla città, e continuano imperterriti a muovere i fili della Raggi per salvaguardare il risultato elettorale della Sicilia e delle politiche di Primavera, dopodiché la lasceranno cadere a terra. Una cosa è ormai chiara a tutti, ai cittadini per primi, la Sindaca non vedrà la fine di questa legislatura. Mentre il Movimento 5 Stelle, o meglio Casaleggio e Grillo, si divertono a cambiare i nomi come in un gioco di ruolo, Roma sta morendo e rischia il crack finanziario. Hanno fermato gli investimenti da parte dei privati, che adesso minacciano risarcimenti che il Comune non si può permettere, hanno ignorato la situazione di Atac, e come se non bastasse, hanno cacciato uno dei pochi assessori competenti per far entrare l’ennesimo sconosciuto che non sa nemmeno dove è il Campidoglio. Rispettiamo il voto dei cittadini, ma alla luce di quello che sta accadendo è il caso che la Raggi prenda atto del suo totale fallimento come sindaco di Roma.

Lo ha dichiarato, in una nota, Davide Bordoni, coordinatore e capogruppo al Campidoglio di Forza Italia.

I video del giorno