Amatrice, Raggi: “Ho portato l’abbraccio dei romani che sono vicini ai loro fratelli”

A un anno dal terremoto di Amatrice, dalle ore drammatiche che sconvolsero il borgo laziale, è ancora vivido il ricordo delle vittime, del dolore delle famiglie e delle macerie.

Roma non dimentica quei giorni, scanditi da lunghe attese e speranza. Non dimentica le ricerche dei soccorritori che hanno scavato notte e giorno per trovare superstiti, i tanti operatori, le forze dell’ordine, i grandi eroi, che in quei giorni sono stati vicini alle famiglie e alla popolazione dilaniata dal sisma.

Giorni scanditi da lacrime, ma anche da coraggio e solidarietà. Oggi ad Amatrice ho portato l’abbraccio dei romani che sono vicini ai loro fratelli.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9386 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.