C’era una volta la Sbk……

L’ultimo doppio round del Lausitzring ha ancor di più evidenziato lo stato comatoso che vive il mondiale Sbk. Spalti vuoti e manche noiose hanno accompagnato il fine settimana tedesco delle derivate di serie.

 

Da un po’ di tempo a questa parte, assistiamo a gare dove la rosa dei papabili vincitori è racchiusa in due marchi e 4 piloti, con il resto della truppa a fare da lontana cornice. Questo dato non sarebbe tanto grave se i quattro piloti dessero sempre vita a gare intrise di sorpassi e pathos, ma la realtà è un qualcosa che trasforma la visione di quanto avviene tra i cordoli in un buon viatico alla pennichella.

 

Analizziamo quanto accaduto nella prima gara: vittoria di Chaz Davies che ha chiuso con 16 secondi di vantaggio sul quarto Marco Melandri, con 40 secondi su Eugene Laverty, decimo, e ben 1 minuto e 4 secondi sul quindicesimo, Michael Van Der Mark. Sulla carta entrambe si chiamano Ducati Panigale, ma al traguardo tra la prima ufficiale di Davies e la prima privata, quella di Xavi Forés, c’è un buco spazio-temporale di oltre 30 secondi. Divari abissali, con troppa differenza tra chi cavalca una ufficiale e chi una privata; una forbice, va detto, non sempre frutto del polso.

 

Che fare, allora? Occorre, a mio parere, ritornare alla filosofia di base della categoria, ossia gareggiare con moto davvero derivate di serie. Un conto è elaborare una moto che si può acquistare in una concessionaria, un altro è lavorare su dei veri e propri prototipi che di derivato di serie hanno al massimo le sembianze.

 

L’elettronica deve essere quella che la casa madre installa sul veicolo venduto, così come vanno ridotte notevolmente le possibilità di operare sul prodotto di serie, nel limite magari delle sole carene, dello scarico, con piccoli interventi al motore (lavorazione teste), ai freni ed alle parti interne delle sospensioni (no alla completa sostituzione).

 

Bisogna, poi, riunire di nuovo le manche in un’unica giornata; chi ha stabilito la regola di una gara il sabato ed una la domenica farebbe meglio a dedicarsi ad altro.

 

Perché non ripristinare la formula della Superpole, per rendere accattivanti anche le qualifiche? Per abbattere ulteriormente i costi, necessità superare il monogomma. Se c’è concorrenza tra chi produce pneumatici, se è data la possibilità di scegliere, aumentano le variabili e con esso si spostano gli equilibri in gioco. Certo ci sarà una marca più competitiva rispetto alle altre, quindi più cara; è pur vero che gli altri marchi, nel voler colmare la distanza, potranno offrire i propri prodotti a costi minori, anche per farli sviluppare.

 

Il motociclismo, è inutile girarci attorno, è uno sport che costa. Non deve essere, però, come è oggi, una disciplina che anche se si è dotati di talento, occorre svenarsi per entrare a far parte di un team di terza fascia. Nel calcio avete mai visto un giocatore, magari interessante e di una squadra neopromossa, pagare per giocare? Questo talento, anzi, viene coccolato, per poi dopo essere venduto ad una big. Perché ciò non avviene nelle due ruote? Quanti ragazzi dal bel manico sono a casa e quanti somari, invece, sfigurano sulle piste perché “babbuccio” ha cacciato i soldini? Se aumenta la spettacolarità e nel contempo si abbassano i costi, per gli sponsor è più conveniente avvicinarsi alle competizioni. Un team può, così, coprire le spese anche con sponsor considerati “minori”, come, ad esempio, un centro commerciale o una concessionaria.

La Sbk per anni ha scimmiottato la MotoGp, con il risultato di negare le proprie origini e ridursi all’attuale stato. Quello dei prototipi, però, è un mondo dove non è tutto oro ciò che luccica, dove la gara è uno show che deve avere come trama il buono (quello che fa vendere gli abbonamenti, le t-shirt ed i biglietti) che lotta contro quei cattivi che infornano i biscotti; lì in molti tremano alla sola idea del ritiro della gallina dalle uova d’oro…..

Ritorniamo alla Sbk: questa deve ritornare ad avere la passione al centro del suo universo. Fare affari con le gare è lecito, assolutamente. Non deve essere, però, l’unico interesse che fa muovere il gioco. Se la passione, insieme al talento, ritorneranno ad essere i protagonisti, la Sbk sarà di nuovo un prodotto interessante. E se un prodotto diventa interessante, giocoforza, aumentano anche gli interessi, specie quelli legati agli affari. Un ultimo appunto: se i biglietti per entrare sugli spalti costassero di meno, sarebbe cosa buona e giusta.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9342 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.