PIL, Codacons: l’Europa va più veloce

La crescita del PIL italiano nel secondo trimestre è sicuramente incoraggiante, ma la realtà è davanti ai nostri occhi e non va persa di vista: l’Italia rimane convalescente nonostante una congiuntura economica decisamente favorevole, e la sua performance resta ancora molto lontana da quella dei principali partner europei. Piano, quindi, a festeggiare i nuovi dati.

Prima ancora di esultare e gridare al “miracolo”, infatti, è bene ricordare che l’Eurozona ha fatto registrare 17 trimestri consecutivi di crescita: dal 2013 a oggi l’economia nella zona-euro ha ricominciato a correre ma l’Italia ha approfittato solo parzialmente di questa circostanza positiva. Ecco perché serve molta cautela per parlare di “fine della crisi”, e chi lo fa altera la realtà a suo piacimento: rispetto alla fase pre-recessione, nel 2008, il livello del PIL italiano resta abbondantemente inferiore (di oltre il 6%). Senza contare che l’Eurozona nel suo complesso continua a fare meglio di noi: l’economia dei principali partner europei dell’Italia corre a un ritmo ancora inavvicinabile per il Belpaese, e il gap che ci separa dalle maggiori economie del continente non accenna a ridursi.

“Adesso in tanti festeggiano questi dati, ma in pochi ricordano che l’Europa continua a fare molto meglio di noi” – commenta il presidente Carlo Rienzi. “Superare la palude dello ‘zero-virgola’ è sicuramente un segnale positivo, ma la strada per uscire definitivamente dalla crisi è ancora lunga e piena di insidie” – conclude Rienzi.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9342 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.