Attentato Barcellona: Bruno Gullotta di Tom’s Hardware tra le vittime

attentato barcellona

Attentato Barcellona – Si aggrava il numero delle vittime coinvolte nell’attentato di ieri a Barcellona dove un furgone si è scagliato contro la folla sulla Rambla.
Numeri da brividi dopo l’attento Barcellona fa purtroppo la conta delle vittime, 13 morti e 100 feriti di cui 16 in gravissime condizioni in una città che questa mattina sembra svegliarsi in una paralisi totale.
Un silenzio quasi surreale dopo un attacco che, fin quanto si dica, inaspettato visto l’impegno marginale della Spagna contro il terrorismo.

C’è anche un italiano tra le 13 vittime si tratta di Bruno Gulotta, 35enne di Legnano, responsabile marketing e vendite di Tom’s Hardware, a dare la notizia proprio il sito nelle parole del country manager Roberto Buonanno:

La notizia ci è giunta all’improvviso ieri sera nel clima spensierato della settimana di ferragosto. Il collega e amico Bruno Gulotta è stato travolto e ucciso da un infame terrorista nel cuore di Barcellona. Era lì in ferie, insieme con la sua compagna e con i due figli. Aveva postato su Facebook le tappe del suo percorso e tutto sembrava procedere come uno si aspetterebbe da un viaggio di vacanza. Una foto da Cannes, una dalle Ramblas di Barcellona. E poi quello che nessuno si aspetta: la morte di un giovane uomo, padre e compagno di vita della madre dei suoi figli.

ATTENTATO BARCELLONA RIUSCITO A METÁ

Da prime indicrezioni pare che l’attentato avrebbe avuto una matrice più ampia con una cellula ben struttura formata da dodici persone, che stavano pianificando un attacco ben più ampio utilizzando anche delle bombole di gas.
Esplosione di Alcanar – L’indagine ha portato ad analizzare l’esplosione di una casa ad Alcanar a circa 200 chilometri da Barcellona, abitata da due fratelli magrebini, in cui sono state ritrovate circa 20 bombole di gas.

Nell’esplosione è morto un uomo ed un altro è stato arrestato e tra le macerie sono stati trovati alcuni documenti che solo oggi hanno consentito di collegarli all’attentato di Barcellona.

Proprio questi elementi insieme al secondo atentato a Cambrils con le dinamiche simili a quello di Barcellona ha fatto si di stabilire che una cellula vera e propria sta operando sul territorio spagnolo.

Attualmente oltre i tre arresti, resta latitante il fratello di Driss Oukabir, Moussa, 18enne marocchino arrivato in Spagna una settimana fa e che sarebbe l’autore materiale dell’attentato di Barcellona sulla Rambla.

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10492 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.