Ladispoli, progetto Piazza Grande, il M5S non abbassa la guardia

Si torna a parlare della questione “Piazza Grande”, un tema che è stato centrale nella campagna politica e che per il Movimento 5 Stelle rappresenta una ferita gravissima al territorio urbano ed al rispetto delle regole.

Sono stati per ora sospesi i lavori, mentre, le indagini che coinvolgono il Piano Integrato procedono, portando alla luce nuovi elementi che delineano con sempre maggiore chiarezza quanto questo su progetto, a carattere assolutamente speculativo, pendano importanti questioni di ordine etico e giudiziario.

Ricordiamo che stiamo parlando di un’area con destinazione d’uso, da Piano Regolatore Vigente, a verde pubblico compensatorio, quindi chiaramente non edilizia, dove invece si stanno costruendo in tutta fretta 2 palazzi di 5 piani (3260 mq), un cubo commerciale (7500 mq), parcheggi per lo più privati e una piccola piazza (2690 mq).

L’attuale amministrazione del sindaco Grando (che da opposizione non aveva mai votato contro il progetto) ha accolto le nostre richieste, bloccando, seppure temporaneamente, il prosieguo dei lavori. Ci teniamo a rivendicare con orgoglio questo stop al cemento, come il risultato di anni di battaglie portate avanti dal Movimento 5 Stelle con il supporto dei cittadini.

In questi due anni, infatti, il M5S ha lottato con ogni mezzo possibile per fermare questo scempio. Abbiamo fatto due ricorsi al TAR, presentato alcuni esposti, impegnandoci sia economicamente che fisicamente. Siamo riusciti a coinvolgere i cittadini residenti al campo sportivo che, partecipando ai nostri eventi ed elargendo donazioni, hanno contribuito a sostenere le spese legali necessarie. Abbiamo presentato anche un progetto alternativo a quello Piazza Grande. Un progetto facilmente realizzabile dove davamo indicazione su come reperire i fondi ed avere tutte le coperture economiche necessarie. All’epoca il Comune, messo alle strette dalla nostra azione e dall’opinione pubblica, fu costretto ad organizzare un referendum. In quella votazione i cittadini hanno indicato, tramite il loro voto e senza alcuna esitazione, la bocciatura del progetto Piazza Grande. Purtroppo questo referendum, non essendo normato a livello statutario, non ha avuto valore legale, e la passata amministrazione ne ha approfittato scegliendo di seguire gli affari di pochi invece che l’interesse della collettività.

Questa è stata e rimane la nostra più grande battaglia! Abbiamo alzato i rifelettori sulla questione e probabilmente senza di noi questa ennesima colata di cemento oggi sarebbe già stata portata a termine nel silenzio e nell’indifferenza. Abbiamo svelato le “magagne” legate al progetto, abbiamo portato alla luce delle autorità competenti le illeggittimità amministrative, penali ed etiche su cui, a nostro avviso, s’incardina questa ennesima speculazione.

Non abbiamo intenzione di abbassare la guardia; abbiamo chiesto al TAR la discussione dei nostri due ricorsi e stiamo aspettando che sia fissata l’udienza; abbiamo presentato alla procura nuove documentazioni. Continueremo a lottare per far sì che i cittadini di Ladispoli abbiano a disposizione una bella area verde attrezzata e spazi di aggregazione in un’area come quella del campo sportivo che oggi ne è assolutamente priva!

MoVimento 5 Stelle Ladispoli

I video del giorno