MotoGp, Austria (Red Bull Ring): a tutto gas

Lo sapevate…?
– Questo week-end si tiene la ventiseiesima edizione del GP d’Austria, la quarta al Red Bull Ring. Le restanti ventidue edizioni si sono svolte tutte sul circuito del Salzburgring.
– Lo scorso anno le Ducati dominarono il GP d’Austria concludendo primo e secondo ed interrompendo un digiuno di vittorie che durava dal 2010. Da allora i piloti Ducati hanno vinto altre 3 gare.
– La vittoria di Andrea Iannone nel 2016 fu favorita da un cambio di pneumatici effettuato in griglia prima della partenza che gli diede il vantaggio decisivo su Andrea Dovizioso.
– Oltre alla vittoria, lo scorso anno Ducati centrò pole position, giro più veloce e la top speed in gara a 310 km/h.
– La velocità più elevata nel weekend la fece registrare nel corso delle FP4 Michele Pirro con la sua Desmosedici GP a 312,8 km/h.
– Lo scorso anno Jorge Lorenzo fu l’unico pilota  capace di tenere la scia delle Ducati, tagliando il traguardo dietro Iannone and Dovizioso.
– Il Red Bull Ring a Spielberg, possiede tre rettilinei dove è possibile scatenare la sesta marcia. Il circuito austriaco è il più veloce in calendario. Lo scorso anno la media oraria fatta registrare in gara fu di 182,401 km/h.
– Vi è un dislivello di 65 metri fra il traguardo e la curva 3 rispettivamente il punto più basso ed il più alto nel circuito.
– Assieme a Barcellona, Motegi e Sepang, il Red Bull Ring è uno dei circuiti più impegnativi per i freni che vengono utilizzati per il 25% della percorrenza sul giro.
– Alla curva 1 si verifica la frenata più violenta dove le moto passano da 312 km/h a 90 km/h, in 216 metri.
– Il Red Bull Ring è il circuito in calendario con il minore numero di curve: solo 10.
– Di tutti i circuiti in calendario, COTA ad Austin sembra essere quello più simile al Red Bull Ring con due lunghi rettilinei, una grossa frenata alla curva 3 seguita da una forte accelerazione, ed un grosso dislivello tra la parte più alta e più bassa del circuito.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8943 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.