Università, Fraleone: “Un sasso nello stagno”

Loredana Fraleone, responsabile scuola università e ricerca di Rifondazione Comunista affronta le problematiche legate al mondo dell’università.

Ecco il suo pensiero:

Negli ultimi anni nelle università si è mosso poco e quel poco da parte di studenti su questioni attinenti al diritto allo studio o di docenti precari per la stabilizzazione del proprio ruolo, gli uni e gli altri in modo sporadico e a macchia di leopardo. Tutto ciò nonostante la grave situazione dell’università e della ricerca prodotta dai governi, di centrodestra e di centrosinistra, da più di un decennio. Le politiche, dettate da un impianto liberista, hanno ridotto il sistema italiano sia per i tagli che per le disastrose “riforme” subite, agli ultimi posti  dei paesi europei e OCSE, per numero di iscritti, di laureati, per il rapporto docenti studenti, i finanziamenti alla ricerca e gli investimenti complessivi sull’alta formazione.

Per questo è da salutare con interesse l’appello di migliaia di docenti, che in tutta la penisola hanno sostenuto le motivazioni per uno sciopero, praticamente autoconvocato, degli esami della sessione autunnale. Come gli autisti dei mezzi pubblici, rischiano di essere accusati di corporativismo e di danno all’utenza, ma le loro motivazioni partono dalla considerazione di essere lavoratori come altri, tra l’altro con livelli di precarietà che riguardano ormai circa la metà del personale docente. La reazione è così decisa e diffusa, per la posizione del governo di negare agli universitari ciò che è stato concesso ad altri lavoratori pubblici, quindi vi è una rivendicazione di dignità oltre che equiparazione economica .

Già si colgono tentativi di mettere gli studenti contro i docenti, con “avvisi” relativi alla possibilità di non poter sostenere gli esami e l’esposizione nelle facoltà degli elenchi dei docenti che hanno sottoscritto l’appello, come sta avvenendo in alcune università, senza alcuna distinzione tra firmatari e effettivi aderenti allo sciopero.

Noi siamo per tutelare il diritto di sciopero ai docenti universitari come agli autisti dei mezzi pubblici e, di fronte alla palude, fin qui rappresentata dal mondo accademico, il sasso gettato dai promotori di questo sciopero potrebbe portare alla luce la situazione complessiva di un sistema ridotto allo stremo, sempre più indirizzato alla privatizzazione, che colpisce per primi proprio gli studenti, nella qualità della loro formazione, nell’assenza di politiche a reale tutela del diritto allo studio, nella possibilità sempre più ristretta di accesso alle facoltà preferite, stante il dilagare del numero chiuso, senza citare la quasi scomparsa della figura di studente lavoratore.

Ci troviamo di fronte ad un’occasione, che dovrebbero cogliere non solo gli scioperanti, per rendere più forte la propria azione, ma anche gli altri soggetti interessati come il personale tecnico amministrativo e soprattutto gli studenti, sulle spalle dei quali grava un futuro sempre più nero.

Il problema quindi non è solo dare più forza alla vertenza di una parte del mondo accademico colpito persino nella sua funzionalità, ma costruire un fronte in cui tutti i soggetti, a vario titolo colpiti dalle politiche liberiste, si uniscano per restituire dignità a una delle massime istituzioni della Repubblica e promuovere finalità che non la rendano una mera ancella del mercato.

 

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9325 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.