Tiro con l’arco, Coppa del Mondo, Azzurri a Berlino: si decidono i finalisti di Roma

Dall’8 al 13 agosto a Berlino va in scena la quarta e ultima tappa della Hyundai Archery World Cup. Sedici gli azzurri in partenza oggi per conquistare un posto alle finali di Roma. Il capitolino David Pasqualucci, nel ricurvo, mira alla qualificazione diretta: “Non mi accontento del posto riservato agli atleti del paese ospitante. Voglio entrare tra i migliori 7: servirà una grande prestazione a Berlino, come ho fatto col bronzo di Antalya. Ce la metterò tutta: avrebbe un valore doppio riuscirci, perché potremo essere due italiani sugli 8 in gara nell’olimpico a giocarci le nostre chance a Roma. La finale? Competere per un trofeo così prestigioso in casa mi darebbe un’emozione unica. Ci tengo e voglio raggiungere questo obiettivo dalla porta principale”.

Al termine della tappa in Germania si conosceranno i 32 qualificati (16 della divisione olimpica e 16 della divisione compound) che saranno in gara allo Stadio dei Marmi “Pietro Mennea” il 2-3 settembre.

Dopo le gare di Shanghai (Chn), Antalya (Tur) e Salt Lake City (Usa), è arrivato il momento dei verdetti per la Hyundai Archery World Cup. Dall’8 al 13 agosto a Berlino, in Germania, va in scena l’ultima tappa della Coppa del Mondo prima delle finali di Roma in programma allo “Stadio dei Marmi” sabato 2 e domenica 3 settembre. Cinque gli arcieri già sicuri del posto, si tratta dei compoundisti Stephan Hansen (Den), Sarah Sonnichsen (Den) e Sara Lopez (Col), e degli atleti dell’olimpico Brady Ellison (Usa) e Hye Jin Chang (Kor).

L’Italia avrà di diritto un posto in ogni gara (ricurvo maschile e femminile, compound maschile e femminile, oltre alle due squadre mixed team olimpico e compound), ma alcuni azzurri a Berlino potranno provare a strappare la qualificazione entrando tra i migliori 7 nella classifica generale.

Il più vicino a guadagnarsi il pass è David Pasqualucci, nono ad un solo punto di distanza da Sjef Van Der Berg (Ned). L’arciere capitolino ci tiene a giocarsi le sue chance in casa e, dal raduno svolto al Centro Tecnico Federale di Cantalupa (To) ha detto: “Non mi accontento del posto riservato agli atleti del paese ospitante. Voglio entrare tra i migliori 7: servirà una grande prestazione a Berlino, come ho fatto col bronzo di Antalya. Ce la metterò tutta: avrebbe un valore doppio riuscirci, perché potremo essere due italiani sugli 8 in gara nell’olimpico a giocarci le nostre chance a Roma. La finale? Competere per un trofeo così prestigioso in casa mi darebbe un’emozione unica. Ci tengo e voglio raggiungere questo obiettivo dalla porta principale”.

I CONVOCATI AZZURRI – L’Italia, dopo il raduno al Centro Tecnico Federale di Cantalupa (To), sono in partenza oggi per la trasferta di Berlino. Lo staff tecnico ha convocato nell’arco olimpico il trio titolare a Rio 2016 Mauro Nespoli, Marco Galiazzo e David Pasqualucci, tutti arcieri dell’Aeronautica Militare. Al loro fianco il giovane Federico Musolesi del Castenaso Archery Team. Al femminile chiamata per Tatiana Andreoli (Iuvenilia), Vanessa Landi (Arcieri MOntalcino), Lucilla Boari (Arcieri Gonzaga) e Claudia Mandia (Fiamme Azzurre), quest’ultime due titolari agli ultimi Giochi Olimpici.
Nel compound spazio a Federico Pagnoni (Arcieri Montalcino), Jacopo Polidori (Arcieri Torrevecchia), Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre), Alessandro Lodetti (Arcieri del Roccolo), Anastasia Anastasio (Marina Militare), Irene Franchini (Fiamme Azzurre), Marcella Tonioli (Arcieri Montalcino) e Laura Longo (Arcieri Decumanus Maximus).

Lo staff azzurro sarà composto dal Capo Delegazione Leonardo Terrosi, dai tecnici dell’olimpico Ilario Di Buò e Matteo Bisiani, dal tecnico compound Flavio Valesella e dal fisioterapista Andrea Rossi.

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10480 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.