MotoGp, Brno 2017: la pagella del Dicos

MARC MARQUEZ 10: Lo spagnolo è autore di un capolavoro nato da quella che, apparentemente sembrava una scelta sbagliata. Un pilota per essere un campione abbisogna non solo del talento ma anche della furbizia e della capacità di rimediare rapidamente alle situazioni poco favorevoli. Marquez ha dimostrato ancora una volta di essere un centauro talentuoso, intelligente, furbo e spregiudicato. Un rider che quando si tratta di rischiare, non si tira indietro. L’ingresso anticipato ai box lo ha messo nella condizione di dover guidare prima degli altri su un asfalto ancora non del tutto asciutto; peccato che l’urlatore non abbia notato questo aspetto. Un successo quello di Brno frutto, quindi, di una completezza tecnico-tattica indispensabile nel motociclismo moderno. Scaltro!

 

DANI PEDROSA 9: Quando ha la possibilità di potersi esprimere al meglio, il ragazzo di Sabadell diventa una brutta gatta da pelare. Una piazza d’onore che regala alla Honda una doppietta ed esalta il lavoro dei suoi tecnici. Bravo!

 

MAVERICK VINALES 8: Ha una lettura diversa dal compagno di squadra in merito all’ingresso ai box. Non aspetta il segnale al muretto e la scelta lo premia. E’ ancora lontano dall’essere il cannibale di inizio stagione. In alcuni casi, anzi, sembra uno di quei ragazzi che, tra le strade di montagna, sfidano il mondo intero alla guida di un T-Max gommato Macadam, avete presente?……In queste condizioni pretendere di più sarebbe utopico. Forza!

 

VALENTINO ROSSI 4: Uno con la sua esperienza non può commettere errori simili, specie se considerato il migliore. Certo gli uomini del box hanno la loro dose di colpa, ma il grosso delle responsabilità è di Mister 9 volte. Vinales docet. Nelle fasi finali guida bene e riesce a chiudere quarto. Non si può parlare propriamente di rimonta perché partiva secondo. Ricordo a chi ha dolcemente sussurrato, con impercettibile amarezza, che se fosse entrato prima al box le cose sarebbero cambiate, che il dottore avrebbe lo stesso perso la corsa. Altrettanto soavemente dico che la matematica non è un’opinione e soprattutto lo scusometro è roba per rosiconi, non per chi deve raccontare le cose con la giusta equidistanza. Ci sono, certo, le preferenze personali, ma non bisogna edulcorare i fatti per camuffare la realtà; è brutto considerare gli appassionati gente con l’anello al naso. Bocciato!

 

DESMOPILOTIUFFICIALI: Pagano, purtroppo, la gestione a dir poco dilettantistica degli uomini del box. I responsabili di queste figuracce pagheranno o il tutto rimarrà come prima?

 

HONDA: Micidiale.

 

YAMAHA: Impreparata.

 

DUCATI: No comment.

 

APRILIA: Più che discreta.

 

KTM: Discreta.

 

SUZUKI: Maluccio.

 

TIFOMETRO: “Subito, via!!!”… “Apri, dai!”….. “Ecco, dentro!”….il tutto mentre davanti al proprio idolo c’era un italiano su una moto italiana. Suvvia, non dite che fate così perché bisogna tifare “italiano”. Petrucci di dov’è? La Ducati che azienda è? Faziosi!

 

TRISTEZZA: Una volta appurato che Marquez avrebbe vinto, la telecronaca è diventata malinconica. Forse perché si è compreso l’errore degli uomini Ducati? Anche a me avrebbe fatto piacere un’affermazione rossa.

 

MISTERI: Marquez fa certe cose? E’ fortunato ed è solo merito della Honda. Le stesse cose le fa(ceva) Rossi? E’ un dio. Se Marquez, poi, è così scarso, i piloti che gli arrivano dietro, allora cosa sono? Ribadisco ancora una volta che concordo con chi diceva che Marquez è l’erede di Rossi. Ah, il biscotto…..indigesto!

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9325 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.