Caldo: Codacons lancia l’allarme anziani

Estendere il Sistema di previsione e allarme per far fronte alle ondate di calore, attualmente previsto in sole 27 città, a tutti i capoluoghi di provincia. E’ quanto chiede il Codacons in relazione alle altissime temperature che si registrano in questi giorni in Italia.
L’associazione dei consumatori lancia in particolare l’allarme anziani, che sono i soggetti più in pericolo, specie se abbandonati a se stessi, e chiede un maggior coinvolgimento dei medici di base.
Il vero problema è che non basta attivare numeri verdi, comunicare le previsioni del tempo o riciclare i vecchi ed arcinoti opuscoli sul caldo – spiega l’associazione – Gli enti nazionali e locali devono attivarsi per tutelare le fasce di popolazione a rischio: le Anagrafi della suscettibilità, che dovrebbe censire le persone più sensibili all’aumento delle temperature, andrebbero fatte in tutti i comuni e, per non essere un elenco troppo generico e vasto, con un maggior coinvolgimento dei medici di base.
Per il Codacons, inoltre, i medici di famiglia, in caso di bollino rosso con allerta al massimo livello, dovrebbero andare a visitare a domicilio i loro pazienti più a rischio, anche se non chiamati. Altrimenti, come sempre, vi sarà lo scavalcamento della prima linea del Servizio sanitario nazionale, quella appunto dei medici di base che, teoricamente, dovrebbero fare da filtro alle chiamate al 118, con conseguente incremento di accessi al pronto soccorso e ore di attese estenuanti, accessi già cresciuti del 15% nella grandi città solo negli ultimi giorni.




 

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8940 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.