MotoGp, Brno: vittoria di Marquez

Marc Marquez e il box Repsol Honda sono i più veloci a leggere la situazione difficile della gara in Repubblica Ceca e, su una pista in rapido cambiamento, scelgono la tempistica ottimale che porta il campione del mondo in carica al successo. Dani Pedrosa, collega di scuderia è secondo davanti alla Yamaha ufficiali. Le Ducati sono più arretrate.

La gara della classe regina inizia con condizioni climatiche altamente variabili. In pole position, ancora una volta a Brno, Marquez; il pilota HRC è stato il più veloce del warm up. Al suo fianco Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) e a chiuder la prima fila Dani Pedrosa (Repsol Honda). Andrea Dovizioso (Ducati Team) è la prima desmodromica e occupa la quarta casella del via.

La maggior parte dei piloti ha montato gomme da bagnato a mescola media e la corsa potrà essere flag-to-flag a seconda del mutare dell’asfalto, lo spegnersi del semaforo però avviene con lo splendere sole che presto rende il tracciato asciutto mettendo in campo le tattiche delle scuderie per il cambio moto e, ancora una volta, il box HRC fa scuola.

Marquez parte bene ma subisce l’attacco di Jorge Lorenzo (Ducati Team) ed e secondo, poi perde ancora posizioni fino alla quinta piazza e alla fine prova il cambio di moto al secondo giro giocando d’anticipo rispetto a tutti e scommettendo sulle slick. Una mossa che gli consente di prendere il comando quando gli altri sembrano fermi con le gomme da pioggia; il talento di Cervera è ora involato verso la vittoria. Alla fine, in solitaria conquista il terzo successo stagionale con oltre 12 secondi di vantaggio sul compagno di box Pedrosa che lo segue poco dopo nel cambio di moto.

Maverick Viñales (Movistar Yamaha MotoGP) ha iniziato la sua gara dalla settima piazza. Come il compagno di team entra al box leggermente in ritardo rispetto al numero 93 Honda ma, una volta montate le gomme da asciutto, anche lui è protagonista di una bella rimonta fino al terzo posto dopo aver superato Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing).

Al via Valentino Rossi perde qualche posizione ma poi ritorna alla carica ed è in scia a Lorenzo. È uno degli ultimi ad entrare nella pit-lane insieme a Dovizioso, dopo il quinto giro. Il Dottore risale dal fondo del gruppo fino a raggiugere la top5. Vi entra con un sorpasso su Petrucci e mette tutto nella sfida con Cal Crutchlow (LCR Honda) per il quarto posto che raggiuge nell’ultimo passaggio. Rossi ha dimostrato di avere un passo da vittoria ma è stato costretto ad una gara in rimonta.

Jorge Lorenzo (Ducati Team) è autore di una partenza fulminea. Si mette alle spalle Marquez che aveva condotto anche nelle primissime battute di gara. A quattro giri dalla fine prova l’entrata ai box e si trova in fondo allo schieramento. Anche Dovizioso effettua il cambio di gomme con la stessa tempistica, risale e chiude come sesto davanti a Petrucci.

Dietro al ternano Aleix e Pol Espargaro, con il pilota Aprila Gresini sanzionato per una manovra scorretta e il portacolori Red Bull KTM Racing che raggiunge la top dieci, al nono posto, come miglior piazzamento dell’anno.

Andrea Iannone (Suzuki Ecstar), vittima di una caduta nella corsia dei box, è diciannovesimo mentre Alex Rins, il compagno di team è undicesimo dietro a Jonas Folger ma davanti a Johann Zarco, piloti Monster Yamaha Tech 3.

Marquez è sempre più leader del campionato con 154 punti. Seguono Viñales con 140 e Dovizioso con 133. Rossi e Pedrosa sono quarto e quinto con 132 e 123.

Fonte: motogp.com

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9391 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.