Bici elettrica: come scegliere la più adatta alle esigenze

Se anche tu, come migliaia di italiani, hai deciso di acquistare una bici elettrica, probabilmente ti sei già scontrato con dubbi e difficoltà tipici dei neofiti: ecco allora una guida pratica all’acquisto della e-bike, per scegliere in tutta serenità! 




Bici elettrica o a pedalata assistita? 

Innanzitutto, sgombriamo il campo da possibili equivoci: molto probabilmente, ciò che stai cercando è una bicicletta a pedalata assistita (detta anche pedelec), non una e-bike. la differenza sostanziale è che la prima presenta due limitazioni tecniche: un motore con potenza nominale non superiore ai 250W e una velocità erogata massima di 25 km/h. In assenza di uno dei due parametri, il mezzo non può essere considerato un pedelec. Ciò significa che, ai sensi del Codice della Strada, non può essere considerato alla stregua di una tradizionale bicicletta. 

La differenza è sostanziale poiché solo la bici a pedalata assistita può circolare liberamente presso piste ciclabili e zone a traffico limitato e non presenta obblighi quali la guida con caso, la stipula di un’assicurazione Rc e l’immatricolazione presso la motorizzazione, tutte imposizioni previste invece per la bici elettrica, considerata al pari di un ciclomotore di piccola cilindrata. 

Scegliere la bici elettrica: l’importanza del motore 

Le caratteristiche tecniche e di utilizzo della bici elettrica a pedalata assistita sono fortemente influenzate dalla tipologia di motore selezionato. Sul mercato ne esistono tre diverse tecnologie: 

– Motore centralizzato

– Motore al mozzo anteriore

– Motore al mozzo posteriore 

Il motore installato centralmente rappresenta l’unica vera alternativa per gli appassionati di escursionismo e di mountain bike poiché è la sola soluzione in grado di garantire un’ottimale resistenza alle sollecitazioni di urti e vibrazioni, piuttosto frequenti nel trekking e durante la percorrenza di terreni non lineari. Il motore è installato sul telaio e ciò rappresenta un significativo ausilio in caso di rottura o foratura delle gomme poiché permette la sostituzione della ruota senza la necessità di rimuovere il kit di elettrificazione (unica tecnologia a offrire tale vantaggio). Il vero punto debole del motore centralizzato sta nel costo d’acquisto, mediamente più alto rispetto agli altri due. 

Il motore al mozzo anteriore è invece la soluzione urbana per eccellenza: leggero, poco appariscente, semplice da installare e a buon mercato. L’hub anteriore è installato sulla ruota dell’avantreno, non appesantisce il mezzo ma offre scarsa resistenza a scossoni e botte. In caso di foratura della gomma anteriore, si rende necessaria la rimozione temporanea del kit.

L’hub posteriore è la soluzione intermedia, garantisce buona resistenza agli urti, si monta con relativa semplicità ed è adatto all’utilizzo urbano, poiché più leggero del motore al telaio. Il prezzo di mercato è, in media, superiore a quello del motore anteriore ma inferiore a quello del centralizzato. 

Oppure opta per un kit!

 

Se già disponi di una bicicletta, puoi abbattere i costi di acquisto del mezzo (mediamente compresi tra i 900 e i 1.200) optando per un kit di elettrificazione, da installare direttamente sul mezzo in tuo possesso. Il kit per bici elettriche, nella sua versione più semplice, è costituito da un motore, una batteria (si consiglia di scegliere quelle al litio) e una centralina.