Flavia Sorrentino: “Italia taglia sulla cultura e il Sud”

Ci dicono che il Mezzogiorno è di nuovo al centro dell’agenda politica del “Paese”. Ci dicono…ma i dati dimostrano che l’Italia taglia sulla cultura e il Sud.

“L’Agenzia per la Coesione Territoriale, che dipende direttamente dal Presidente del Consiglio, ha diffuso il 24 luglio la sua relazione annuale, che analizza i flussi di spesa 2015-16 del settore pubblico allargato, disaggregandoli per aree geografiche e per settori. Per esempio la cultura. Quello in cultura rimane il più grande disinvestimento settoriale che si sia avuto in Italia negli anni 2000. Le cifre scoraggianti diventano ancor più deprimenti se andiamo a guardare le differenze fra Centro-Nord (71,2 % della spesa totale) e Mezzogiorno (28,8 %): quote significativamente sbilanciate in rapporto alla popolazione residente, sei punti-percentuale a sfavore del Sud.

Eppure ci vien detto che asse delle politiche pubbliche è “il raggiungimento di una quota spesa nel Mezzogiorno superiore o almeno pari alla rispettiva quota di popolazione. Viceversa, il crollo di tutta la spesa pubblica a finalità strutturale dal 2008 in avanti ha pesantemente colpito il Sud, accentuandone il divario dal resto d’Italia. È un divario che si è ormai radicato profondamente, fino all’attuale “disparità strutturale di dotazioni effettive e di servizi nel Mezzogiorno: i treni sono più vecchi e più lenti, la rete ad alta velocità costituisce solo il 5,6% della rete complessiva, la presenza turistica per abitante è pari a 3,7 contro i 7,9 del Centro-Nord, la distribuzione dell’acqua è irregolare per il 18,3% delle famiglie a fronte del 4,9% del Centro-Nord, i Comuni che dispongono di strutture per l’infanzia sono meno della metà che nel Centro-Nord.

In questo quadro desolante, si salva forse la spesa in cultura? No. Il crollo è comune alle varie Regioni, ma nel Centronord si passa da 65 euro pro capite a 24, mentre nel Sud si passa da 43 a 18, e quanto alle decantate “risorse aggiuntive”, i dati implacabilmente confermano che “le risorse aggiuntive sono risultate sostitutive della spesa ordinaria e settoriale.” Prof. Salvatore Settis.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9386 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.