Femminicidio, una strage infinita

Il 31% delle donne tra i 16 e i 70 anni (6 milioni e 788mila) ha subito nel corso della propria vita violenza fisica o sessuale.  Numeri che sono lame, pugni e proiettili che troppo spesso trovano nel marito, ex, amico o famigliare il carnefice.
Rapporti sessuali non desiderati e vissuti come sopruso, abusi o molestie fisiche gravi come stupri o tentati stupri: il 21% delle donne italiane, oltre 4,5milioni, li ha subiti durante la propria vita. Un milione 157mila li ha patiti nelle forme più gravi: 746mila sono state vittime di tentato stupro, 653mila donne di stupro.

Tra le donne abusate dai partner, il 90,6% ha subito rapporti sessuali indesiderati; il 79,6% tentativi di strangolamento, soffocamento e ustione; il 77,8% schiaffi, pugni, calci e morsi, il 65,4% spinte e strattoni. E neppure la gravidanza ferma gli abusi.

Le vittime cercano di lasciare il partner violento, ci provano nel 35,7% dei casi, ma il 47% di queste torna poi dal compagno violento.

La violenza cieca è spesso anticipata da vessazioni psicologiche, una condizione di soggezione che riguarda 4 donne su 10: il 40,4% (oltre 8,3 milioni) le vittime di violenza psicologica.

Il 40,4%, oltre 8,3 milioni, è stata abusata verbalmente fino a sopportare gravi danni allo sviluppo della propria personalità, una su 4 ha difficoltà a concentrarsi e soffre di perdita di memoria.

Per non parlare poi delle donne (il 16,1%) che subiscono stalking e vengono pedinate, spiate o ricattate. Un bollettino di guerra, una guerra quotidiana e pervasiva. Vissuta in solitudine.

Davanti a questi inquietanti dati Istat del marzo scorso, l’Italia è ferma al palo.
Il Piano d’azione straordinario del governo contro la violenza sessuale e di genere dell’agosto 2015 non si è rivelato adeguato ed efficace. I Centri anti violenza, prima trincea per arginare violenza e abusi, sono continuamente sottofinanziati, esposti a chiusura o direttamente chiusi. Eppure hanno un ruolo fondamentale in un’ottica di prevenzione, aiuto, accoglienza delle donne che hanno subito violenza.

Quei Centri antiviolenza che svolgono colloqui personali, ospitalità in case rifugio, attività di consulenza psicologica, consulenza legale, formazione, prevenzione, orientamento al lavoro e cura delle donne vittime di violenza sono un presidio di civiltà che andrebbe supportato e difeso. Eppure molte strutture non riescono comunque ad andare avanti per i continui tagli, per le difficoltà ad accedere periodicamente alle programmazioni regionali, per mancanza di volontà politica, e questo rappresenta una ferita per il nostro Stato di diritto a cui non ci rassegniamo e che contrasteremo con tutte le nostre forze.

Inoltre nelle scuole, senza antidoti adeguati, avanza una regressione nei rapporti tra generi. Tre anni fa abbiamo depositato alla Camera una proposta di legge per l’introduzione dell’educazione sentimentale nelle scuole. Solo l’Italia e la Grecia non hanno ancora una forma di educazione alla sessualità e all’affettività nell’ordinamento scolastico. La Legge è ferma in VII Commissione, non è stata ancora calendarizzata e chissà quando mai lo farà.

E intanto il bollettino di guerra diventa ogni giorno più lungo. 

Non sottovalutare quello che i centri anti violenza possono fare per te, se hai bisogno contatta il centro più vicino.

L’ELENCO DEI CENTRI ANTI-VIOLENZA IN ITALIA

Elenco dei centri antiviolenza aderenti alla Rete Nazionale Antiviolenza 1522 e alla Associazione nazionale Dire (Donne In Rete contro la violenza).

Fonte: Dipartimento per le Pari Opportunità

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9342 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.