Festa a San Siro: Milan 2 – Csu Craiova 0

“È triste il mio cuore lontano da te”: recitava così la speciale coreografia della Curva Sud, prima del fischio d’inizio. A San Siro, il 3 agosto, per il ritorno del terzo turno preliminare di Europa League, battevano esattamente 65.763 cuori rossoneri, come i il numero impressionante dei tifosi che hanno riempito il nostro caldissimo stadio nell’esordio casalingo ufficiale della stagione 2017-18. Una partita importante contro il CSU Craiova, in palio la qualificazione ai Playoff di Coppa: il Diavolo ha fatto festa, indirizzando la vittoria già al 9′ con il gol di Bonaventura e archiviando la sfida in avvio di ripresa grazie al raddoppio firmato da Cutrone. Una serata perfetta (2-0), nella quale sono stati presentati Bonucci e Biglia e dove va anche segnalato un altro miracolo di Donnarumma dopo quello dell’andata. Deve essere soddisfatto Mister Montella, osservando la sua squadra crescere e nel complesso convincere quando si sta cominciando a fare sempre più sul serio.




LA CRONACA
Sospinto dalla carica dei 65000 del Meazza, i ragazzi di Mister Montella partono subito forte e, al 9′, trovano il vantaggio: corner dalla destra di Suso, smanacciata imprecisa di Calancea e tocco vincente da due passi di Bonaventura, per l’1-0 Milan. La formazione di Mangia soffre il possesso palla rossonero, ma al 20′ ha la grossa chance di pareggiare con Mitrita che esalta i rifletti di un superlativo Gigio Donnarumma. L’occasione riaccende il Diavolo, che chiude la prima frazione in attacco con l’errore sottomisura di Conti dopo la corta respinta di Calancea sul sinistro dalla distanza di Suso. Nella ripresa il canovaccio tattico non cambia: Milan che fa la partita, Craiova che prova a colpire in contropiede. Al 52′ però, da un calcio piazzato di Rodriguez, arriva il raddoppio rossonero, con Patrick Cutrone che si fa trovare pronto per mettere a segno il suo primo centro in gare ufficiali. Il gol chiude la sfida, anche se nel finale sono ancora i ragazzi di Montella a sfiorare il terzo gol con André Silva prima, e Niang poi, ma il risultato non cambia.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8862 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.