50 milioni di api morte a cause degli incendi, qual è la situazione a Castel Fusano

Incendio Pineta di Castel Fusano – Dopo i numerosi incendi che sono stati appiccati dolosamente nella macchia mediterranea ad Ostia, ma anche nella pineta di Coccia di Morto e, allargando lo sguardo, in altre regioni limitrofe alla nostra (la Campania ad esempio) arriva subito un dato preoccupante ed allarmante.
Albert Einstein disse “Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita” e purtroppo, da stime effettuate dopo l’incendio del Vesuvio, ne sarebbero morte solo in quello circa 50 milioni.

Giù la situazione era critica a causa di tanti motivi in primis pesticidi e sostanze che vengono date sui terreni, ma anche il forte cambiamento dell’habitat, aggiungendo gli atti criminali di questa estate la situazione peggiora notevolmente. Da quanto si apprende oltre alla distruzione delle arnie anche intere colonie di fecondazione sono state sterminate rendendo quindi impossibile la riproduzione e il ripristino degli allevamenti.

L’ape è di fondamentale importanza per tutto il ciclo di produzione, la loro opera di impollinazione è quella che fa si che si inneschi il processo riproduttivo delle piante e delle colture, dai frutti agli ortaggi e questo è  il principale meccanismo che abbiamo in natura. Togliendo le api il danno diventa incalcolabile.

Attualmente sono scese in campo sia Coldiretti che Greenpeace con quest’ultima che ha lanciato il progetto salviamoleapi in cui si richiede anche l’impegno del governo ad attuare una politica di salvaguardia e di tutela.

Una tutela che deve però essere associata anche ad un maggior controllo delle aree sensibili, una manutenzione dei grandi polmoni verdi accurata ed attenta e delle pene esemplari a chi causa una distruzione così grande che solo tra 20  anni si potrà di nuovo tornare ad una parvenza di normalità.

Senza contare che su ogni ettaro circa di pineta bruciata si sono almeno 400 animali che muoiono tra rettili e uccelli, un danno incalcolabile.

Ad Ostia sono arrivati i granatieri di Sardegna, ma purtroppo è una corsa ai ripari quando il danno è stato fatto, quello che si doveva fare non è stato fatto, nel 2000 perdemmo circa 350 ettari a causa del grande incendio ma chi abita il territorio ricorda i fatti del 9 luglio 2002, l’estate del 2003, luglio 2004 e luglio 2005 fino agli 80 ettari persi nel 2008. Una distruzione ciclica che non ha mai visto un vero e proprio piano di azione per prevenire. Intanto si comincia a fare la conta dei danni.

 

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10502 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.