Il Consiglio Comunale ha approvato l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione e l’assestamento generale di bilancio

L’Aula, dopo una lunga discussione, ha approvato le due delibere sulla modifica del Documento Unico di Programmazione 2017-2018 e sull’assestamento generale di bilancio

Dopo la relazione dell’assessore Panini, che ha illustrato i dettagli della delibera 407/2017 sull’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione 2017-2018, è intervenuto il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle). Dopo la replica degli assessori Panini e Borriello, che ha chiarito i dettagli dell’atto relativi all’impianto del San Paolo che, ha precisato, è della città e come tale viene considerato nelle azioni proposte, che non costituiscono alcun regalo e vanno nell’esclusivo interesse della collettività, è iniziato l’esame degli ordini del giorno. Il consigliere Nonno (Misto-Fratelli d’Italia) e il consigliere Guangi (Forza Italia) hanno precisato che si tratta di atti già presentati in occasione del precedente bilancio di previsione come emendamenti, approvati, ma riproposti in quanto gli interventi indicati, relativi a diverse azioni da mettere in campo nei territori dell’Ottava e Nona Municipalità, non risultano poi previsti nell’ambito del PEG delle Municipalità indicate. Dopo la precisazione dell’assessore Panini, che ha chiarito che la mancanza delle relative somme corrisponde a meri errori materiali e che le azioni relative saranno realizzate, gli ordini del giorno sono stati ritirati. La delibera è stata quindi approvata a maggioranza col voto contrario dei gruppi Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Prima Napoli, Forza Italia, Napoli Popolare e Misto-Fratelli d’Italia.

La delibera 408/2017 (Proposta al Consiglio: Bilancio di previsione 2017-2019 – Variazione di assestamento generale. Salvaguardia degli equilibri. Relazione del Sindaco al Consiglio comunale sullo stato di attuazione del piano di rientro dal disavanzo di amministrazione), è stata illustrata sempre dall’assessore Panini, che ha spiegato le principali voci di maggiori entrate, come quelle derivanti dal recupero dell’evasione rispetto all’IMU e alla Cosap, gli investimenti effettuati con le entrate derivanti dal condono edilizio, gli effetti derivanti dalla vendita del patrimonio, il dato sulla ricognizione dei debiti fuori bilancio per il periodo gennaio-maggio 2017, pari a circa 12 milioni di euro, le azioni rispetto alle società partecipate. Sulle segnalazioni del Ragioniere generale e dei Revisori sulla riscossione e il contrasto all’evasione, pure oggetto di richiamo della Corte dei Conti, le questioni messe in campo sono state le verifiche dei dati chieste al soggetto incaricato e l’accellerazione della riscossione coattiva sui debiti di maggiore entità. Il mancato pagamento dei tributi, infatti, è un fenomeno che registra dati molto diversi. Per la Tari, ad esempio, su 119 posizioni, esistono debiti non coattivi di entità molto diverse, morosità da recuperare per 12 milioni di euro, multe per violazioni al Codice della Strada in via di rendicontazione con interventi che vedranno azioni diverse a seconda dell’entità della somma. In ultimo l’assessore ha ricordato la necessità che ogni istituzione faccia la sua parte per rispondere alle esigenze dei cittadini e delle cittadine più deboli, come sono gli studenti disabili che hanno bisogno di un’assistenza a scuola che senza risorse trasferite non si riesce a garantire.
È iniziato quindi il dibattito, presieduto in parte dal vice Presidente Guangi, che ha registrato gli interventi di diversi consiglieri. Arienzo (Partito Democratico) per concordare sulla necessità di trovare una soluzione rispetto alla vicenda dell’assistenza scolastica agli studenti disabili, ma dissentendo su scelte, come le somme stanziate per l’impianto del San Paolo, che appaiono in contrasto con quella che dovrebbe essere una priorità come quella della tutela delle situazioni di maggiore fragilità. Critiche anche alla mancanza di un’azione incisiva rispetto alla capacità di riscossione, al contrasto all’evasione e ad un controllo efficace sull’efficienza delle partecipate.
Brambilla (Movimento 5 Stelle) che è partito dalla relazione del Sindaco allegata alla delibera dove viene precisato che l’atto più importante tra quelli oggi in discussione è quello sulla modifica del regolamento per l’alienazione del patrimonio, più volte rinviato. Sui contenuti della manovra, i Revisori si sono espressi in modo molto critico, a partire dal fatto che si devono realizzare gli obiettivi del piano di riequilibrio, la mancata costituzione del fondo contenziosi che è causa di squilibrio strutturale che può portare al dissesto, l’utilizzo della cassa vincolata senza la sua ricostituzione, la mancata approvazione dei bilanci per il 2015 di alcune partecipate. Critiche anche alla previsione di spesa a favore della definizione dei rapporti col Calcio Napoli, fondi che vengono sottratti ad azioni più importanti, e l’utilizzo di risorse del Patto per Napoli previste per la riqualificazione di edifici pubblici ad altre azioni.
Moretto (Prima Napoli), partendo dai rilievi mossi dalla Corte dei Conti, ha ricordato le mancate azioni rispetto alla mancata dismissione del patrimonio, alle falle nel sistema di riscossione, in particolare nei confronti dei grandi evasori, la mancata indicazione del risparmio derivate dalla mancata manutenzione degli immobili comunali, il fallimento della missione rispetto alla vendita del patrimonio affidata alla Napoli Servizi, le inadempienze rispetto alle altre partecipate. Al termine dell’intervento del consigliere Moretto, il consigliere Santoro ha chiesto, a nome dei gruppi di opposizione, una sospensione di dieci minuti per concordare una posizione comune rispetto alla prosecuzione dei lavori. Approvata la proposta all’unanimità, l’Aula ha sospeso i suoi lavori.
Alla ripresa, presenti 31 consiglieri, è proseguito il dibattito con l’intervento della consigliera Valente (Partito Democratico) che ha ricordato il patto col Governo centrale nel 2012 per consentire il piano di rientro, nonostante l’Amministrazione richiami continuamente la necessità di un patto con gli altri enti locali e il Governo nazionale per nuovi sostegni finanziari. Sulla manovra di assestamento, va detto che le norme sulla contabilità armonizzata prevedono l’allineamento tra competenza e cassa, mentre le leve da attivare per la copertura delle spese risultano assolutamente inadeguate, come la vendita del patrimonio, il rilancio della riscossione, il ricavo della vendita di parte delle quote Gesac, i ricavi dell’illuminazione dei cimiteri. Il nuovo regolamento immobiliare non migliorerà le cose, così come altre gravi criticità sono la copertura dei debiti fuori bilancio attuata con le risorse necessarie a coprire il disavanzo e la mancata rendicontazione delle somme trasferite dalla Regione al Comune per l’azienda dei trasporti. Una crisi di liquidità imponente, quindi, rispetto ad un’iniezione di liquidità ricevuta dal Governo pari ad oltre un miliardo. Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra), che ha annunciato il voto favorevole del suo gruppo, ponendo l’attenzione su quelle che sono le leve della riscossione. Va fatta un’azione forte nei confronti dei grandi evasori, lavorando poi nella direzione di far diventare cassa l’accertato, e si deve fare un’altra azione decisa a favore dei bambini e ragazzi disabili che vanno a scuola, una scelta sulla quale va detta una parola chiara anche in vista dell’imminente apertura dell’anno scolastico.
L’assessore Panini ha replicato ricordando innanzitutto l’accordo col Governo per il rientro dal debito che prevedeva impegni per entrambe le parti. Invece nel tempo il trasferimento è diminuito di 240, è cambiata la copertura dei debiti di dubbia esigibilità e le nuove regole sulla contabilità armonizzata. Per questo se il Governo non interviene, i comuni che come Napoli si trovano in questa situazione non usciranno dall’attuale stato di sofferenza. Non va poi dimenticata la questione delle risorse bloccate per il debito verso il consorzio Cr8 o i debiti per i rifiuti, carichi pesanti che condizionano pesantemente i conti. Per questo si punta molto sulle azioni di contrasto ai grandi evasori, sulla vendita del patrimonio, sulle risorse necessarie ad Anm per garantirne la continuità. L’Amministrazione ha sempre tutelato i posti di lavoro, non licenziando neanche un lavoratore e ricollocando quelli delle partecipate in crisi, e oggi ha scritto alla Napoli Servizi per chiedere che si avvii il monitoraggio necessario degli aventi diritto dell’assistenza specialistica nelle scuole.
È iniziato l’esame delle mozioni, degli ordini del giorno e degli emendamenti presentati alla delibera. La prima mozione, a firma del Movimento 5 Stelle, sullo spostamento delle somme destinate alla transazione col Calcio Napoli a interventi per la disabilità, è stata respinta a maggioranza. Il secondo ordine del giorno, primo firmatario il consigliere Arienzo e firmato dai gruppi di opposizione, illustrato dalla consigliera Valemte, sull’impegno a destinare tutte le risorse derivanti dai risparmi di spesa alle Municipalità, è stato approvato all’unanimità dopo la modifica del documento, nel senso dell’eliminazione al richiamo ai risparmi di spesa che verranno accertati successivamente alla manovra di bilancio.
Il primo emendamento, sulle risorse da destinare a spazi ed attrezzature sportive, a firma dei consiglieri Valente, Quaglietta e Arienzo, è stato respinto a maggioranza. Un altro emendamento sulla destinazione delle risorse previste per 300mila euro agli immobili pubblici destinati o da destinare ad alloggi per l’eliminazione del disagio abitativo, purché non occupati abusivamente, sul quale è stato espresso parere contrario dell’Amministrazione, ha registrato la condivisione dei consiglieri Moretto (Prima Napoli) e Guangi (Forza Italia). L’assessore Panini ha precisato che le risorse sono destinate all’avvio di un processo di regolarizzazione, con il riconoscimento ad una serie di immobili del carattere abitativo attraverso appositi interventi e regolarizzazione con pagamento di canoni ed utenze. La proposta di modifica è stata respinta a maggioranza.
Sull’ultimo emendamento, che propone la modifica della delibera nel senso di destinare cinquecentomila euro ad interventi di riqualificazione e manutenzione di strade e verde in alcune Municipalità, a firma dei consiglieri Buono e Gaudini (Verdi-Sfasteriati), Gaungi (Forza Italia) e Nonno (Misto-Fratelli d’Italia), sono intervenuti i consiglieri Santoro, Valente e Brambilla e Moretto. Con il parere favorevole dell’Amministrazione, l’emendamento è stato accolto con 21 voti favorevoli e 3 astenuti, mentre la delibera sull’assestamento è stata approvata a maggioranza.
Il Consiglio tornerà a riunirsi domani alle ore 12 per esaminare le altre delibere all’ordine dei lavori.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9357 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.