Napoli, Sarri: “Essere all’Audi Cup è un riconoscimento importante”

Essere tra le quattro squadre protagoniste dell’Audi Cup è un orgoglio ed un riconoscimento per ciò che ha fatto il Napoli in questi anni“. Maurizio Sarri ha parlato oggi alla vigilia del prestigioso trofeo che si giocherà a Monaco di Baviera in una conferenza congiunta con gli altri 3 tecnici di Bayern, Liverpool e Atletico Madrid: Carlo Ancelotti, Jurgen Klopp e Diego Simeone.




 

Penso che sia un Trofeo di alto livello – ha detto il tecnico azzurro – e non sarà facile imporsi contro squadre così forti. Noi abbiamo da giocare un preliminare di Champions a breve ed affrontare Club così prestigiosi può essere importante. Avrei preferito giocare in notturna perchè fa molto caldo e poteva aiutare ad esprimersi per tutti a ritmi più alti, ma cercheremo di fare bene”.

“Adesso siamo ancora in una fase estiva della preparazione, tutte le quattro squadre non saranno ancora al top e credo che domani nessuno potrà dare il massimo. Utilizzerò tutti gli uomini della rosa per le due gare, perché è impensabile che un calciatore possa giocare in questo momento 180 minuti in due giorni. Credo che faranno così anche le nostre avversarie. Poi cercherò di mettere in campo due formazioni omogenee per dare un equilibrio”.

“Sono onorato di essere qui tra tre allenatori così titolati, mi sento un po’ un intruso perché loro hanno vinto tanto, ma è una bella esperienza per me“.

Poi sul futuro del Napoli:

La sensazione che ho avuto in questi due anni è che la squadra stesse maturando anche come mentalità. Abbiamo deciso di puntare su questo gruppo che ha una età media giovane e che può crescere ancora. Cercheremo di arrivare più in alto possibile lavorando con i nostri mezzi e con la filosofia che ci ha caratterizzato sinora. La continuità deve essere la strada da percorrere“.

Fonte:sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8943 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.