F1, Ungheria: il commento di Raikkonen

Oggi la macchina è stata fantastica, si comportava in maniera perfetta, ero sempre a mio agio; anche quando ero molto vicino a Seb era ottima da guidare. Non ero affatto preoccupato che le Mercedes potessero raggiungermi. Sono partito bene e ho affrontato bene la prima curva; poi non ho spinto troppo. In posti come questo è rischioso cercare di superare ed io non volevo forzare le cose con il mio compagno di squadra. Ma quando ti trovi tra due macchine non è mai facile. Quando mi hanno chiamato per il pit stop volevo rimanere in pista un po’ di più, perché sentivo di avere la velocità; ma la squadra ha una visione d’insieme e ho fiducia nel mio team. Sono stato dietro a Seb per tutta la gara, non riuscendo mai a sfruttare tutta la mia velocità. Oggi sapevo di avere i mezzi per ottenere un risultato anche migliore, ma avrei dovuto fare meglio in qualifica. Sono contento di questo risultato di squadra e questa è la cosa più importante. Sono qui per vincere, ma considerando il quadro globale è stata un fine settimana fantastico, ne abbiamo tratto il massimo.




Fonte: ferrari.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8862 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.