Programma Week End al Museo 29 e 30 luglio

Eventi Roma – Una week end ricco di eventi caratterizzato con il consueto appuntamento il 29 e 30 luglio week end al museo.
Il museo che affaccia su Piazza Navona, una dei simboli della città eterna, proporrà il connubio ormai consolidato con Roma Tre Orchestra e l’Accademia d’Ungheria in Roma.




PROGRAMMA

Sabato 29 luglio

MUSEO DI ROMA PALAZZO BRASCHI

“Connessioni al museo 3: la grande Opera lirica e i canti della tradizione ungherese. Inedite riletture”

In collaborazione con Roma Tre Orchestra e l’Accademia d’Ungheria in Roma 

The italian tenor

Cortile (INGRESSO GRATUITO) | Ore 20.15 e 22.00

  1. Mozart: Un’aura amorosa (da “Così fan tutte”), Il mio tesoro intanto e Dalla sua pace (da “Don Giovanni”); G. Donizetti: Quanto è bella e Una furtiva lagrima (da “Elisir d’amore”); F. Cilea: Il lamento di Federico (da “L’Arlesiana”).

Il tenore italiano è da secoli una delle figure archetipiche della musica, un brand mondiale dell’immaginario collettivo. Le arie che ascolteremo sono esemplari della vocalità italiana ai tempi di Mozart e di quello che successivamente è passato alla storia come “Belcanto”. Ad interpretarle, la straordinaria voce di Stefano Marra, tra i migliori giovani interpreti di questo repertorio.

Con: Stefano Marra (tenore), Andrea Bosso (pianoforte)

A cura di Roma Tre Orchestra

Opera spectacular: la grande opera per quintetto di ottoni

Cortile (INGRESSO GRATUITO) | Ore 21.15 e 23.00

Gli ottoni hanno accompagnato gli esseri umani fin dall’antichità nelle più svariate circostanze, cerimonie religiose e laiche, feste, battaglie: sono davvero alla base della storia della musica universale, grazie al loro potente suono e alla conseguente capacità di catturare l’attenzione di qualunque uditore. In questo programma li ascolteremo in quintetto, in una selezione di celebri arie e sinfonie d’opera italiana, ma non solo. L’emozione dell’opera sarà perfettamente restituita dal potente suono dell’ensemble. 

Con: Roma Tre Orchestra – BrassTastic Quintet | Matteo Maisano, Massimiliano Campoli (trombe) Gianmarco Lombardozzi (trombone), Andrea Antonelli (corno), Simone Lanzi (bassotuba)

A cura di Roma Tre Orchestra

Canzoni popolari ungheresi

Salone d’onore – Primo piano del Museo | Ore 20.45 e 22.30

I due artisti ungheresi Ági Jókai e Dániel Dobri accompagneranno il pubblico in un viaggio originale alla scoperta della ricchezza della loro cultura attraverso i canti popolari e la musica folcloristica. Dániel Dobri, giovane compositore e chitarrista, ventiseienne, diplomato al Jazz Conservatory di Budapest, sta terminando i suoi studi all’Università di Musica Ferenc Liszt di Budapest. Nonostante la sua giovane età ha già partecipato a diversi progetti internazionali. Ági Jókai, anche lei ventiseienne, ha finito i suoi studi di recitazione presso l’Università di Arti Performative di Bratislava e sta terminando i suoi studi all’Università di Musica Ferenc Liszt di Budapest. Si esibisce regolarmente nei teatri di Budapest e di Bratislava.

Con: Ági Jókai e Dániel Dobri, borsisti all’Accademia d’Ungheria in Roma

A cura dell’Accademia d’Ungheria in Roma

Domenica 30 luglio ore 17.00

MUSEO PIETRO CANONICA “Quando la classica diventa pop”

In collaborazione con Roma Tre Orchestra

Programma musicale: B. Bartok: Danze popolari rumene, P. Iturrialde: Suite Hellenica, V. Semionov: Bulgarian Suite, R. Galliano: Tango pour Claude, A. Piazzolla: Oblivion, Escualo, Ave Maria, G. Hermosa: Brehme, E. Morricone: Playing love, Hermosa: Anantango, H. Arlen: Over the rainbow, A. Piazzolla: Libertango. 

Con: Sarah Rulli (flauto) e Giancarlo Palena (fisarmonica) 

PROMOZIONE “L’ARA COM’ERA”

Continuerà la promozione speciale per “L’Ara com’era”, in programma il venerdì e il sabato sera al Museo dell’Ara Pacis. Si potrà acquistare un biglietto d’ingresso ridotto presentando il biglietto vidimato degli eventi di animazione del weekend nei Musei in Comune (la promozione è valida per il weekend in corso o il successivo, salvo disponibilità). “L’Ara com’era” è il primo intervento sistematico di valorizzazione in realtà aumentata e virtuale di uno dei più importanti capolavori dell’arte romana, divenuto ancora più immersivo e coinvolgente. Grazie a due nuovi punti d’interesse in Realtà Virtuale, che combinano riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni in 3D e computer grafica, è possibile immergersi nell’antico Campo Marzio settentrionale e assistere alla prima ricostruzione in realtà virtuale di un sacrificio romano.

NEL WEEK-END L’ARTE SI ANIMA

Museo di Roma

Ingresso da Piazza Navona, 2 e da Piazza San Pantaleo, 10 – 00186 Roma
aperti ogni sabato dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23)
Ingresso 1 euro

Piccoli musei a ingresso gratuito
Tutti i week-end di giugno in programma eventi e concerti