Emergenza idrica nel Lazio, che cosa dobbiamo aspettarci da Anguillara?

[su_quote]

Tutti i media si stanno occupando della “catastrofe ambientale” del lago di Bracciano, divenuto in questi ultimi sei mesi “una fonte  indispensabile” per il rifornimento idrico di Roma capitale. Siamo  bombardati da servizi televisivi che trasmettono interviste ad esperti  della materia. La Regione Lazio è intervenuta vietando all’ACEA ulteriori captazioni dal lago, a partire dal 28 Luglio.

A Roma si teme il razionamento dell’acqua, come avveniva in tempo di guerra. Oltre alla perdurante siccità e all’eccessiva captazione da parte di Acea, la causa principale è dovuta alla vetustà della rete idrica nella quale viene persa il 40% circa dell’acqua che s’immette alla fonte. Ci  si preoccupa per il danno d’immagine di Roma capitale. Gli albergatori e gli esercizi   commerciali si oppongono al razionamento temendo un calo dei turisti. Si spera in una soluzione alternativa al razionamento.

Tutto molto giusto e comprensibile – commentano i vertici dell’associazione “Diritti Cittadinanza del Lago” – ci dispiace per Roma e per gli altri Comuni (Ato 2) che sono minacciati dalla restrizione idrica, ma noi che viviamo ad Anguillara che cosa ci dobbiamo aspettare? Nei prossimi giorni continuerà a sgorgare l’acqua dai rubinetti delle nostre case, oppure dovremo sopportare anche noi un razionamento? Qual è lo stato attuale della rete idrica del nostro Paese?

In sintesi – denunciano i responsabili dell’Associazione – la rete di distribuzione idrica di Anguillara ( più di ventimila abitanti) è alimentata da alcuni pozzi artesiani, realizzati in epoche diverse con in più  una condotta idrica di ACEA Ato 2 proveniente da Cesano di Roma (acquedotto del Peschiera). Quindi  i vari “quartieri” non ricevono acqua proveniente dalla stessa fonte.

Esistono cinque settori denominati: Montano (Centro Storico: 3 pozzi artesiani più la citata condotta ACEA); Biadaro (Stazione:  2 pozzi artesiani); Colle Sabazio (sud est: un pozzo artesiano); Ponton dell’Elce (Sud: 2 pozzi artesiani); Pantane (zona artigianale: un pozzo artesiano). Senza entrare nel merito della qualità dell’acqua, né sull’evidente  stato di degrado delle tubazioni,  l’Associazione Diritti Cittadinanza del Lago chiede all’Amministrazione Comunale anguillarina di effettuare una verifica sull’effettiva capacità dei menzionati pozzi artesiani di continuare ad assicurare alla cittadinanza la continuità del servizio idrico comunale, tenendo conto dell’attuale siccità e della relativa indotta crisi idrica.In parole povere, il nostro dubbio è: “I pozzi artesiani di Anguillara in quale misura risentono dell’attuale  siccità? Le falde acquifere avranno ancora una capacità sufficiente ad alimentare questi pozzi?”

Nell’ultimo anno, in particolare nella frazione di Ponton dell’Elce, si sono verificate frequenti interruzioni del servizio idrico con in più varie ordinanze del Sindaco di non potabilità dell’acqua. Questi disservizi sono dipesi dalla siccità o dalla scarsa efficienza dell’acquedotto?In conclusione, l’Associazione Diritti Cittadinanza del Lago ritiene indispensabile che l’Amministrazione Comunale emetta urgentemente un comunicato stampa per rendere noto il reale stato di efficienza ed affidabilità della rete idrica comunale precisando che cosa si debbano aspettare in merito i cittadini residenti nei prossimi giorni e nei prossimi mesi, in ciascuno dei menzionati cinque settori.

[/su_quote]

CONSIGLIO DIRETTIVO “DIRITTI CITTADINANZA DEL LAGO”

I video del giorno