Moto Guzzi V7: l’origine del mito

La filosofia di base delle attuali Moto Guzzi, ha origine nella V7 presentata alla stampa nel 1965 e prodotta a partire dal 1967. Grazie alla passione di Maurizio Dotoli, abbiamo avuto il privilegio di guidare per le strade di Napoli l’icona della casa di Mandello del Lario: “Moto Guzzi V7 – spiega il dealer partenopeo – l’origine della specie e del mito. Moto Guzzi con questo modello ha aperto un passaggio temporale tra passato e futuro; l’intera gamma attuale si basa su questo schema meccanico. Quest’anno ricorre il cinquantesimo compleanno e la cosa divertente è che casa madre ha richiesto questo esemplare, mantenuto in ottimo stato di conservazione, dapprima per l’ultima edizione dell’Eicma per la presentazione della V7III, poi per settembre, quando a Mandello del Lario ci sarà l’Open House Moto Guzzi. Questa moto è la mia preferita tra quelle che posseggo, in quanto sono guzzista da sempre ed è quella che, secondo me, meglio incarna lo spirito più puro della Moto Guzzi. Venne presentata alla stampa nel 1965, quando le cilindrate grosse in Italia erano le 350 cc.. Sembrò una bellissima astronave ed i primi modelli vennero venduti quasi tutti nel mercato americano, già abituato alle grosse cilindrate. Dal 1968, poi, anche in Italia questo modello ha avuto una buona diffusione”.




Oggi siamo alla terza edizione della V7 e presso la sede di Via Pisciarelli n° 69 della Dotoli M2 è possibile provarla: “La V7III – sottolinea Maurizio – è un prodotto maturo e di grandissimo spessore che unisce un’estetica fantastica alle esigenze del mercato quali il cambio a 6 marce l’ABS, il traction control. E’ Euro4 e cosa fondamentale è una moto prodotta e costruita in Italia, in una fabbrica vicino al lago di Como che ininterrottamente dal 1921 realizza sogni”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8943 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.