Pedaggio autostradale moto: qualcosa si muove per la riduzione

Dopo anni di duro lavoro da parte di Confindustria Ancma, il Governo fa la
sua parte e sposa ufficialmente la richiesta di cambiare la logica dei pagamenti autostradali con
una differenziazione tra auto e moto.
Il Sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti Umberto Del Basso De Caro ha risposto ieri in
Commissione Trasporti della Camera all’interrogazione dell’On. Sandro Biasotti, che aveva
sollecitato il Governo a rivedere il sistema di esazione dei pedaggi autostradali, differenziando le
tariffe dedicate alle autovetture da quelle riservate ai motocicli.
Il Sottosegretario Del Basso De Caro, osservando che il Ministero dei Trasporti – su sollecitazioni
delle associazioni di categoria – ha attivato un tavolo tecnico con AISCAT (l’associazione
sindacale che riunisce i concessionari autostradali), segnala che lo stesso Ministero, lo scorso 5
luglio, aveva inviato alla stessa AISCAT una proposta di tariffa differenziata per motoveicoli.
A questo punto non ci sono più pretesti per differire ulteriormente l’adozione di un sistema di
tariffazione che allineerebbe l’Italia alla maggior parte dei paesi europei, dove le moto accedono
alle arterie autostradali gratuitamente, oppure beneficiano di una forte scontistica.
L’associazione dei costruttori da anni si batte per una differenziazione di trattamento tra le quattro
e le due ruote una volta giunti al casello. Richiesta supportata anche dall’indicazione su quali siano
i motivi per i quali una tariffazione unica sia poco consona all’effettivo utilizzo della rete
autostradale e anche come i sevizi offerti ai motociclisti, nella maggior parte dei casi, siano
inadeguati e carenti.
Confindustria ANCMA ha più volte sollevato la questione e portato questa richiesta sui tavoli delle
massime autorità competenti: tra i quali, quello del Presidente dell’Autorità di Regolazione dei
Trasporti Andrea Camanzi e del sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti Riccardo Nencini.
“Ogni motociclista che sceglie una strada statale o provinciale anziché un’autostrada per
risparmiare sul pedaggio – dichiara Corrado Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA – si
espone a un rischio quasi doppio di perdere la vita in caso di incidente. Incentivare i motociclisti a
utilizzare le autostrade che, come affermato dagli stessi concessionari, sono le strade più sicure, è
una necessità non ulteriormente prorogabile. Ci aspettiamo che in vista dell’esodo estivo, quando il
traffico motociclistico raggiunge l’apice, qualche novità positiva in questo senso venga finalmente
annunciata. Il Governo ha fatto i suoi passi, ora le concessionarie facciano i loro”.
Ricordiamo che secondo i più recenti dati forniti da ACI/ISTAT, un motociclista coinvolto in
incidente ha quasi il doppio delle probabilità di sopravvivere se il sinistro avviene su
un’autostrada piuttosto che su un’altra strada extra-urbana: ogni 100 motociclisti coinvolti in
incidente, le vittime in autostrada sono 3,5, mentre su strade provinciali, regionali o statali il
rapporto sale a 6,2, nonostante le velocità di crociera sulle autostrade sia mediamente superiore.
Negli ultimi quattro anni sulle autostrade hanno perso la vita 577 centauri, mentre sulle altre
extraurbane le vittime su due ruote sono state 1.260.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8890 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.