Lavoro e sviluppo Campania: le sinergie di Luigi Carfora

La famiglia Carfora è da più di un secolo impegnata nell’industria dolciaria e della panificazione. Un connubio tra lavoro, sapori e segreti del mestiere che hanno creato un’antica tradizione molto apprezzata dapprima dai napoletani poi dai campani.

 

A guidare oggi il gruppo nato ad inizio secolo scorso nel quartiere Ponticelli di Napoli c’è Luigi Carfora, imprenditore sensibile non solo alle dinamiche industriali ma anche a quelle del territorio. Grazie alla Fondazione Ad Astra ed al Consorzio Ad Astra, Carfora intende rilanciare lo sviluppo economico e culturale della Campania attraverso il lavoro: “E’ – spiega – il lavoro per le imprese che dev’essere creato e sviluppato. A loro rivolgiamo l’attenzione per creare nuova ricchezza, affinché queste diventino a loro volta siano generatrici di indotto ed occupazione diretta ed indiretta. In termini semplificati nostro intento è creare le azioni per formare e distribuire benessere”.

 

Due le proposte per due percorsi paralleli da intraprendere: “La prima –spiega Carforaè più semplice ed immediata da realizzare. E’ rivolta alle aziende che hanno la predisposizione in termini dimensionali, di tipologia di prodotto e di capacità produttiva per affrontare le vendite ai mercati extraregionali ed esteri. Laddove lo necessiti, verrà dato il supporto per l’internazionalizzazione dell’azienda. Questo percorso lo faremo sia attraverso la nostra rete di professionisti e dei loro contatti che già operano ed hanno dato dimostrazione concreta dei canali e del fatturato delle vendite effettuate, sia con il supporto offerto dalle Istituzioni e dagli Enti Pubblici specifici e preposti. Il secondo percorso che proponiamo, molto più arduo, complesso, certosino e lungo da attuare è la creazione di domanda interna per favorire tutte le attività che non hanno come vocazione l’esportazione dei propri prodotti e/o servizi o l’internazionalizzazione aziendale. Un primo beneficio, per ricaduta, verrà dalla ricchezza che si genera per mezzo del sistema virtuoso delle aziende che abbiamo messo in rete e che inizieranno ad esportare o ad incrementare il loro fatturato. La nostra azione, però, non è attendista; sarà interventista improntata, anche, sull’orientamento ad una attenta, pianificata e programmata strategia di offerta turistica, progettata e concertata di intesa tra privati e Istituzioni Pubbliche del Territorio, rivolta ad un utenza extra regionale ed estera. La Campania offre, grazie alle sue ricchezze di patrimonio culturale, archeologico, storico, artistico, religioso, culinario, balneare e paesaggistico, una molteplicità di proposte turistiche da armonizzare e proporre. Dobbiamo cercare di mettere insieme, mettere d’accordo e pacificare le tante individualità ed i personalismi dei rappresentanti degli attrattori esistenti in Campania. Mi limito a fare il solo esempio del Comune di Sorrento che ha messo in pratica questo metodo di lavoro, in questi ultimi anni, la crisi non l’ha per niente vissuta. Se c’è riuscita Sorrento perché non dovremmo farcela noi? Infine verrà offerto il supporto di tutti i servizi legati al mondo delle imprese, grazie alla presenza dei tanti professionisti qualificati e con esperienza riconosciuta che operano in rete con noi: legale, bancario, credito agevolato, formazione del personale, marketing e comunicazione”.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9357 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.