Survival, prima che…

Prima che le nostre giornate diventassero complicate. Prima che uscire di casa si trasformasse in un percorso avventuroso. Prima che partire per le vacanze  obbligasse a consultare cartine di paesi a rischio elevato, medio e  minimo,  con  la possibilità di individuarne  esenti da pericoli  praticamente inesistente. Prima di dover fare attenzione a quello che si metteva nei panini e all’acqua che si beveva, prima di queste semplici precauzioni c’erano le vacanze emozionanti.




Spesso un  viaggio che cambiava  tutto, citato  negli anni  successivi ogni volta che si voleva dare l’impressione di chi ha girato il mondo. Si partiva  per posti impronunciabili, dormendo guancia a  terra  mentre uno scorpione passava vicino  e  la paura faceva schizzare le pulsazioni a tremila, ma si era rimasti immobili, grande soddisfazione… Oppure  era toccato dividere una sola borraccia d’acqua  e nessuno ne aveva approfittato, grazie allo spirito di gruppo che porta ad aiutarsi. Adesso è diverso, il serpente  lo puoi trovare nel carrello del supermercato, indeciso se mangiare subito o fare un po’ di spesa magari  desideroso di distrarsi, visto che le temperature bollenti delle nostre metropoli lo fanno sentire a casa! Inoltre, avvilente novità di quest’estate, ci sono gli incendi  che prendono di mira  quel po’ di verde sopravvissuto. Possono scoppiare a pochi metri dalle abitazioni creando scenari  simili ad un’apocalisse urbana: fazzoletti davanti alla bocca e asciugamani bagnati  intorno alla testa per salire un attimo in casa. Ovunque sirene  e gente che guarda allibita le fiamme che impediscono di passare, non sono scene di paesi lontani e non è un film d’azione, ma è la vita quotidiana. Si capisce allora che urgono  esperti in strategie di sopravvivenza, persone che abbiano superato  momenti difficili restando vive, veterani della lotta agli imprevisti.

Esistono, anche se non è facile incontrarle, e  possono dispensare  pillole di saggezza take-away che le  mandi giù senz’acqua e ti senti subito meglio. Le loro conoscenze, apprese durate l’arco di una vita  spesso vengono snobbate, ma funzionano. Ho incontrato  alcune  di queste professioniste docili vecchiette in gita al mare in grado d’insegnare un know-how  da master.  In poche lezioni ho già appreso  parecchie dritte su come dribblare conoscenti molesti, risparmiare all’osso e conoscere persone interessanti. Spero  di studiare con profitto e  di ottenere  un certificato di ammissione al livello successivo perché i soldi spesi  in cultura si dice  siano soldi spesi bene.   Concordo   in pieno  imparando le regole  base da queste  “old lady” che polverizzano le difficoltà con mosse segrete. Non sono autorizzata a rivelare  i loro trucchi, ne a far girare delle fotocopie, ma un riassuntino prometto di darlo a settembre, quando sarà ancora più utile…..