Arriva Goletta Verde a Formia le dichiarazioni di Gallinaro e Manzo

Le osservazioni svolte ultimamente e diffuse da Golette Verde riguardo la salute del mare hanno innescato un dibattito che non ha trovato, data la centralità dell’ emergenza idrica  in tutto il sud pontino, uno spazio adeguato di confronto e di riflessione.

Tuttavia, il tema affrontato è serio e merita attenzione.

Sono entrambe problematiche che ci riconducono ancora una volta alle responsabilità di Acqualatina.

Va  detto che i risultati delle analisi svolte da Goletta Verde disegnano un quadro noto da molto tempo.

La criticità forte che Rio Santa Croce evidenzia, pur destando preoccupazioni e sollecitando ancora una volta interventi sul fronte del disinquinamento del mare, è una segnalazione che si ripete costantemente. Problematiche simili sono riscontrabili, pressochè da sempre, nei fossi che nella nostra zona sfociano a mare.

Esempio paradigmatico il caso del Canale Santa Anastasia che è stato prima interdetto alla balneazione per inquinamento microbiologico e poi riaperto.

I risultati della Goletta – che comunque sempre  ringraziamo per il lavoro che svolgono- non fanno altro, pertanto, che confermare quelli dell’ARPA.

Quel che manca nella discussione sulla salute del mare è la prospettiva.

Si tende a dimenticare  che il Golfo ed i bacini drenanti del Rio S. Croce, di rio Acquatraversa, di Pontone etc.. ricadono all’interno dell’area sensibile.

Lasciando da parte per un momento la questione dell’itticoltura, del cui spostamento pochi si preoccupano, tutto il problema della depurazione e degli scarichi urbani che rappresentano elementi cardine dell’azione di contrasto all’inquinamento marino,   ha un grande assente: Acqualatina .

La delibera del 2010 prevedeva che entro un anno dalla data di pubblicazione (quindi, nel 2011) “i Comuni ricadenti nell’area sensibile e nel bacino drenante “avrebbero dovuto individuare gli scarichi a mare e nei fossi ad esso efferenti non depurati, affinché venissero intercettati o da rete fognaria o adeguatamente trattati.”

Non sono bastate le iniziative comunali degli scorsi anni, quando sono state attivate, a completare , attraverso attività di monitoraggio (alle quali peraltro non sempre è stata data adeguata e piena disponibilità) ,  l’individuazione di tutti gli scarichi abusivi purtroppo esistenti nel nostro bacino.

Inoltre, entro il 22 dicembre 2015 , ai sensi dell’art. 21 delle Norme di Attuazione del PTAR, gli impianti di depurazione di reflui di tutti gli agglomerati superiori ai 2.000 abitanti equivalenti nonché gli effluenti industriali con portata superiore a 500 metri cubi per giorno avrebbero dovuto conseguire l’efficienza depurativa , di cui ai commi 2 e 3 dello stesso articolo (trattamento appropriato per l’abbattimento degli inquinanti azoto e fosforo, in modo da assicurare il rispetto dei limiti di emissione).

La Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli del Dipartimento Territorio avrebbe dovuto istituire una Task Force composta da tutti gli Enti competenti in materia di tutela delle coste per svolgere azioni di indagine, di studio, di monitoraggio e strutturali tese a ridurre il carico di sostanze inquinanti in mare, nonché verificare l’eventuale necessità di una modifica alla delimitazione dell’area sensibile.

Dal 2011 avremmo dovuto avere la mappa degli scarichi, dal dicembre 2015 una depurazione in grado di abbattere anche azoto e fosforo, una task force operante .

Riguardo l’adeguamento della depurazione, chiedemmo , anche utilizzando ruoli istituzionali, ragguagli e  documentazione ad Acqualatina ma mai si ci è potuti avvalere di attestati certi .

Non ci sembra davvero possibile dilatare ancora nel tempo decisioni così importanti, magari aspettando che, superato lo “scoglio” dell’estate , l’attenzione sul tema si affievolisca , perda appeal e …..così , appuntamento alla prossima stagione.

Non vorremmo attendere la Goletta verde del prossimo anno per riprendere a parlare di acque, di mare, di inquinamento, di depurazione.

Sollecitiamo , ciascuno nell’ambito delle proprie competenze, prima di tutto la Regione Lazio ed Acqualatina , affinchè intervengano con quella determinazione che finora è mancata.

All’assessore regionale  all’ambiente , chiediamo un’attenzione maggiore al sud pontino e al nostro Golfo. Le sue intenzioni riguardo l’opera di disinquinamento della costa laziale (tutta) appariva a noi come un ottimo obiettivo, che auspichiamo non voglia essere trascurato o non esteso alla parte meridionale della nostra provincia.

Per quanto ci riguarda, riproporremo il tema ai nostri riferimenti istituzionali in Regione, affinchè vogliano farsi interpreti delle istanze di questo territorio.

Contestualmente , il Movimento MDP cui facciamo riferimento, ha formulato in Parlamento, attraverso l’onorevole Zaratti primo firmatario, una interrrogazione parlamentare , nell’intento di coinvolgere il governo in quella che è diventata una questione irrisolvibile in assenza di un coinvolgimento politico più ampio di quello finora messo in campo.

Formia, 16 luglio 2017

Beniamino Gallinaro , Mariarita Manzo

Articolo UNO Movimento Aemocratici Progressisti

I video del giorno